Ford inventa la copertura per auto Genius che ricarica gli EV

Ford ha sviluppato un “Solar Cocoon” che è essenzialmente una copertura per auto con celle solari

Ora che sempre più veicoli elettrificati stanno raggiungendo il mercato con un’autonomia che li rende quasi pratici come un veicolo a combustione, i produttori di automobili si stanno orientando verso nuovi modi per eliminare la seccatura dalla ricarica senza la necessità di collegare l’auto ad una postazione fissa. Il tetto solare di Hyundai per la sua nuova Sonata Hybrid ne è un esempio, ma aggiunge solo due miglia di autonomia al giorno, il che sarebbe abbastanza inutile per un veicolo elettrico. Ford sembra aver sviluppato qualcosa di molto più utile, però: un “Solar Cocoon” che è essenzialmente una copertura per auto con celle solari.

Ford ha sviluppato un “Solar Cocoon” che è essenzialmente una copertura per auto con celle solari

Il brevetto è stato condiviso da un utente su Mach-E Club e, ovviamente, l’imminente Mustang Mach-E potrebbe essere il primo beneficiario della tecnologia. Le celle solari della copertura dell’auto sono disposte in modo flessibile in modo che possa essere utilizzato come qualsiasi altra copertura, ma può anche raccogliere energia per ricaricare le batterie del veicolo elettrico. Il deposito originale di Ford dell’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti (USPTO) descrive “una disposizione di celle solari per un veicolo a motore azionabile elettricamente, con almeno una struttura flessibile, e almeno una camera gonfiabile”.

Descrive inoltre la possibilità di passare da uno “stato di stivaggio lento a uno stato di funzione tesa”. Il documento approfondisce ulteriormente la retrazione elettrica della struttura flessibile. Si spera che ciò significhi che la copertura solare può essere facilmente installata e quindi riposta. I vantaggi sono evidenti: puoi caricare il tuo EV ovunque, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno un alimentatore.

Ti potrebbe interessare: Ford testa braccialetti intelligenti in modo che i dipendenti mantengano le distanze


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp