Formula 1: Honda vuole battere Mercedes e Ferrari nel 2019

Per la prima volta da quando guida in Formula 1, Max Verstappen avrà nel 2019 un motore diverso rispetto a Renault nella sua monoposto. Lui e il compagno di squadra Pierre Gasly infatti saranno spinti dalla potenza del motore Honda nelle loro vetture Red Bull Racing 2019. I giapponesi hanno obiettivi chiari per questa stagione […]

Per la prima volta da quando guida in Formula 1, Max Verstappen avrà nel 2019 un motore diverso rispetto a Renault nella sua monoposto. Lui e il compagno di squadra Pierre Gasly infatti saranno spinti dalla potenza del motore Honda nelle loro vetture Red Bull Racing 2019. I giapponesi hanno obiettivi chiari per questa stagione di Formula 1. I nipponici vogliono superare Renault fin dalla prima gara: ” Vorremmo cercare di conquistare i primi posti durante la stagione.” I leader della tecnologia attuale Mercedes e Ferrari dunque quest’anno oltre a sfidarsi tra loro dovranno fare i conti con la minaccia giapponese.

Honda vuole essere protagonista in Formula 1 già nel 2019

Honda non si fa illusioni sul fatto che i suoi motori possano eguagliare in potenza quelli di Mercedes e  Ferrari. Tuttavia la speranza è quella di poter ad un certo punto della stagione superare anche i due principali avversari. Honda non ha il coraggio di indicare un momento in cui potrebbe superare uno dei due concorrenti. Il boss di gara Masashi Yamamoto ha dichiarato alla stampa: ” Non vogliamo dirlo, ma Mercedes e Ferrari hanno una grande conoscenza delle  regole, quindi per questo sono ancora davanti a noi ” .

I giapponesi sono in Formula 1 da quattro anni e sperano di aver trovato la strada giusta. Yamamoto è fiducioso: ” Pensiamo di essere ben piazzati in questo momento e accelereremo il nostro sviluppo “. Per evitare che si ripresentino di nuovo problemi, Honda ha scelto di sviluppare ulteriormente lo stesso motore utilizzato lo scorso anno. Quel motore ha funzionato sempre meglio e quindi ricominciare daccapo non sarebbe stato saggio. Vedremo se davvero la società giapponese riuscirà a far fare alla Red Bull quel salto di qualità auspicato durante questa pausa invernale dai dirigenti della scuderia che sperano di tornare nuovamente a lottare ad armi pari con Ferrari e Mercedes dopo le delusioni degli ultimi anni.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp