Formula 1: la Mercedes ha detto no alle gare a griglia inversa

Toto Wolff ha confermato che Mercedes ha votato contro l’esperimento della partenza a griglia inversa in 3 GP di Formula 1 del 2020

Toto Wolff ha confermato di aver bloccato l’idea di un esperimento in Formula 1. Nei giorni scorsi si era parlato della possibilità che in futuro la F1 potesse adottare un nuovo sistema con partenza inversa. In pratica nella griglia di partenza del Gp le auto sarebbero state sistemate all’opposto di come avviene adesso e cioè con le auto più veloci in fondo alla griglia e le più lente davanti. Questo con l’obiettivo di migliorare lo spettacolo. La F1 era ansiosa di provare un Gran Premio con partenza a griglia inversa in tre gare la prossima stagione. Si sarebbe trattato dei Gran Premi di Francia, Belgio e Russia.

Lo scorso fine settimana è stato organizzato un incontro di gruppo per stabilire se l’idea poteva venire ufficializzata o meno e si è constatato che c’era una decisione unanime non favorevole a questa soluzione. Toto Wolff ha ammesso che la Mercedes era una delle squadre che ha dato parere non favorevole alla proposta credendo che sarebbe stato uno svantaggio per lo sport. “L’ ho fatto perché in F1 abbiamo la responsabilità di preservare il suo DNA “, ha dichiarato Toto Wolff citato da Autosport.

“Non ho votato contro perchè questa soluzione ci avrebbe svantaggiato ma ho votato contro perché, quando guardi la finale dei 100 metri alle Olimpiadi, non fai in modo che Usain Bolt inizi a cinque metri dietro solo per rendere la finale più emozionante.” In ogni caso, sebbene l’idea sia stata respinta per la stagione 2020, ciò non significa che non possa essere utilizzata in futuro se un numero sufficiente di squadre sarà d’accordo sulla questione.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Verstappen perde la pole position in Messico dopo aver ricevuto una penalità

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp