Formula 1: “La situazione alla Ferrari ora è davvero strana” secondo Button

Button ha criticato la decisione della Ferrari di dire a Vettel di lasciare che Leclerc riprendesse la guida del GP di Formula 1 in Russia

Jenson Button ha messo in dubbio la decisione della Ferrari di dire a Sebastian Vettel di lasciare che Charles Leclerc riprendesse la guida del Gran Premio di Formula 1 di Russia.

L’ex campione del mondo crede che ora vi sia una strana situazione all’interno della scuderia del cavallino rampante. Vettel ha superato Charles Leclerc nelle fasi di apertura della gara a Sochi, ma secondo la strategia della Ferrari il tedesco avrebbe dovuto far passare il suo compagno dopo aver superato Hamilton.

Formula 1: Jenson Button critica la Ferrari

Vettel invece ha ignorato l’ordine della sua scuderia dicendo alla sua squadra che Leclerc doveva prima avvicinarlo se voleva passare in testa al Gran Premio di Formula 1.

Il team alla fine ha deciso di intervenire nella fase di pit stop prima che il tedesco si ritirasse per un guasto al motore. Button ha messo in dubbio la decisione della Ferrari di chiedere a Vettel di lasciarsi superare dal suo compagno di squadra e crede che la scuderia di Maranello sia ora in una strana posizione.

“Situazione strana nel team del Cavallino Rampante”

“Non capisco cosa fanno alla Ferrari. Perché mantenere intatto l’accordo se Vettel è sembrato essere molto più veloce e non ha avuto alcun vantaggio da una simile strategia?”  ha detto Button a Speedweek.

“Ha dovuto lottare per quella posizione e penso che sia molto strano che abbia dovuto rinunciare. Puoi guidare in sicurezza con due piloti fianco a fianco, entrambi in testa, ma la situazione in Ferrari è ora davvero strana. Una volta l’uno e una volta l’altro i due piloti vengono favoriti a discapito del proprio compagno.” ha concluso l’ex pilota di Formula 1.

Ti potrebbe interessare: Formula 1, Gran Premio di Singapore: doppietta per le rosse di Maranello e il riscatto di Vettel.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp