Formula 1: Leclerc potrebbe cambiare il suo approccio alle gare nel 2020

Charles Leclerc crede di avere un “Killer Instinct” che lo spinge a non accontentarsi, ma pensa di dover cambiare questo approccio alle gare

Charles Leclerc crede di avere un “Killer Instinct” che lo spinge a non accontentarsi, ma pensa di dover cambiare questo approccio quando questo si rivela uno svantaggio. Il pilota monegasco si è goduto la sua prima stagione con la Ferrari nel 2019, e sebbene abbia impiegato più tempo di quanto avrebbe voluto, alla fine ha ottenuto le sue prime vittorie in gara con la squadra in Belgio e poi, soprattutto per la Scuderia, a Monza. Secondo la maggior parte degli addetti ai lavori, il giovane pilota sarà un futuro campione del mondo, ma se vuole ottenere più vittorie in gara e alla fine lottare realmente per il titolo, dovrà cambiare leggermente il suo approccio durante le gare.

Charles Leclerc crede di avere un “Killer Instinct” che lo spinge a non accontentarsi, ma pensa di dover cambiare questo approccio alle gare

Leclerc parlando ai microfoni di Motor Sport Magazine ha detto che ha questo istinto che lo spinge a non accontentarsi mai puntando sempre al massimo. Questo se da un canto può rappresentare un suo punto di forza nello stesso tempo può rappresentare anche una debolezza in certe situazioni. Infatti lo stesso pilota ha ammesso che alcuni degli errori commessi durante la scorsa stagione che è stata la sua prima stagione alla Ferrari sono dipesi proprio da questo suo modo di essere.

Il pilota ha dato tutto in momenti in cui invece avrebbe dovuto accontentarsi e fare dei calcoli. In questo modo avrebbe potuto ottenere di più dalla sua stagione. Il 22enne ha recentemente firmato un nuovo contratto con la Ferrari per rimanere con il team almeno fino al 2024. Vedremo se nel 2020 Charles Leclerc avrà fatto dei progressi anche sotto questo punto di vista.

Leggi anche: Binotto: la Ferrari “non è abbastanza brava” nei giochi politici della Formula 1


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp