Formula 1: Mercedes domina e Ferrari si preoccupa

La prima giornata di prove libere del Gran premio di Formula 1 del Giappone si è conclusa con il dominio delle Mercedes

La prima giornata di prove libere del Gran premio di Formula 1 del Giappone si è conclusa con il dominio delle Mercedes. Le monoposto di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas hanno dominato sia la prima che la seconda sessione di prove libere con il finlandese che è stato il più veloce di tutti nella Fp2. Ovviamente la velocità delle due Mercedes ha fatto preoccupare e non poco la Ferrari che è giunta solo quarta e quinta con Charles Leclerc e Sebastian Vettel.

Formula 1: Mercedes fa preoccupare Ferrari

Il giovane pilota monegasco ha ammesso la situazione davanti ai microfoni subito dopo la conclusione dei test in pista. Leclerc ha detto che a differenza di quanto avvenuto negli ultimi Gran Premi di Formula 1 dove la Ferrari ha dominato, questa volta le cose potrebbero andare in maniera differente. Gli aggiornamenti che la Mercedes ha ricevuto negli ultimi giorni sembrano aver fatto bene alle monoposto della scuderia di Toto Wolff che sembra nuovamente la vettura da battere. Occorre però dire che si potrebbe trattare di pretattica.

Qualcuno però ipotizza che si possa trattare di pretattica della Ferrari

Ai box infatti più di qualcuno sussurra che le cose non stanno realmente così e che in realtà la Ferrari stia nascondendo le sue reali potenzialità. Nella prima giornata di prove libere del Gran Premio di Formula 1 del Giappone, la scuderia del cavallino rampante non avrebbe utilizzato i suoi motori al massimo dei giri.

Si tratterebbe insomma di pretattica per sorprendere i rivali di Mercedes che in questo Gran Premio sembrano essere più agguerriti che mai. Ricordiamo infatti che se i risultati dovessero andare in un certo qual modo Mercedes potrebbe già festeggiare la vittoria nel campionato del mondo costruttori di Formula 1 già nel corso di questo week end.

Ti potrebbe interessare: Formula 1, Leclerc avvisa la Ferrari: “Gli ordini di squadra si rispettano”


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp