Formula 1: Mercedes magistrale in Messico ma ancora un fallimento della Ferrari

Ferrari continua a sbagliare in Formula 1, Mercedes sugli scudi, anche in Messico la strategia del cavallino rampante è risultata un vero fallimento

Il Gran Premio di Formula 1 del Messico è stato uno spettacolo interessante con vari team che hanno optato per diverse strategie di pneumatici per i loro piloti. Alla fine ha prevalso la sosta unica effettuata da Mercedes e Lewis Hamilton che si è ulteriormente avvicinato ad un altro campionato mondiale. Quello del Gran Premio di Formula 1 del Messico è stato un altro superbo weekend per le Silver Arrows con Hamilton che ha ottenuto l’ennesima vittoria quest’anno. Dopo una collisione con Max Verstappen nel giro di apertura, la sua squadra lo ha messo in pista su pneumatici duri con l’obiettivo di durare per il resto della gara.

Ferrari continua a sbagliare in Formula 1, Mercedes sugli scudi

La strategia è risultata essere quella giusta con il pilota inglese rimasto davanti a Sebastian Vettel fino alla bandiera a scacchi. Valtteri Bottas ha disputato una gara relativamente tranquilla al terzo posto, ma considerando il suo pesante incidente in Q3 è stato un bel risultato per lui salire sul podio. Di contro occorre registrare in Messico un altro fallimento della Ferrari che quest’anno in Formula 1 sembra non indovinarne una.

La scuderia del cavallino rampante è stata ancora una volta vittima della propria cattiva strategia. Charles Leclerc è partito davanti con Vettel secondo ed è rimasto così durante i primi giri. Leclerc ha però dovuto fare i conti con una errata strategia a due stop che ha costretto il giovane pilota monegasco a doversi accontentare del quarto posto finale. Nemmeno Vettel che ha fatto un solo stop è riuscito a recuperare Lewis Hamilton. Questo in quanto la sua sosta ai box è probabilmente arrivata troppo tardi. Anche in questo caso dunque la Ferrari ha sbagliato.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: la Mercedes ha detto no alle gare a griglia inversa


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp