Formula 1: Monza non esclude di tenere il GP d’Italia con il pubblico

Il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, dice di non arrendersi davanti a un GP d’Italia Formula 1 2020 a porte chiuse

Il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, dice di non arrendersi davanti a un GP d’Italia Formula 1 2020 a porte chiuse. Sostiene che una gara senza un pubblico farebbe molti danni in termini economici ed è per questo che si aggrappa alla minima possibilità di organizzare l’evento con i fan, ma sì, in completa sicurezza. Damiani ritiene logico non prendere alcuna decisione al momento, poiché c’è ancora molta strada da fare fino a settembre, il mese in cui è previsto l’evento. Inoltre, vogliono sapere con certezza come sarà la situazione del paese in quel momento.

Il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, dice di non arrendersi davanti a un GP d’Italia Formula 1 2020 a porte chiuse

“Al momento è difficile fare previsioni, quindi vorremmo aspettare ancora qualche settimana prima di prendere la decisione finale . Dobbiamo sapere più o meno quale sarà la situazione nel fine settimana di settembre”, ha detto Damiani secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa GMM. “Certo, siamo preparati a tutte le possibilità e stiamo negoziando con Liberty Media. Senza un pubblico, le nostre perdite sarebbero abbastanza significative, ma voglio evitare di parlarne, perché spero sinceramente che non sia così”, ha insistito.

Damiani prevede una riduzione delle presenze abbastanza elevata del paddock al GP di Formula 1 di quest’anno, vista la situazione attuale. Inoltre, è chiaro che se ciò che è accaduto al GP di Australia si ripete in qualche altra gara quest’anno, la stagione 2020 si concluderà in quello stesso momento. “Nessuno sa come saranno le gare dopo il coronavirus. Il paddock è sicuramente molto meno affollato, immaginiamo una riduzione del 30-40% rispetto allo scorso anno. Naturalmente, una ripetizione di ciò che è accaduto in Australia porterebbe alla fine del campionato questo anno “, avverte.

Infine, Damiani sostiene di avere l’aiuto di personale specializzato che fornirà loro informazioni sulla loro situazione attuale per scoprire se saranno in grado di ospitare il GP di Formula 1 in completa sicurezza.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: ecco come potrebbe essere il nuovo calendario per il 2020


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp