Formula 1: Renault squalificata dal Gran Premio del Giappone

La Renault è stata squalificata dal Gran Premio di Formula 1 del Giappone dopo un’indagine della FIA sul loro sistema di frenatura

La Renault è stata squalificata dal Gran Premio di Formula 1 del Giappone dopo un’indagine della FIA sul loro sistema di frenatura. Il risultato di Daniel Ricciardo e Nico Hulkenberg è stato rimosso. Questo processo è stato avviato dopo una protesta del team Racing Point.  Il risultato della Renault nel Gran Premio del Giappone dunque non conterà dopo che la FIA avrà squalificato la squadra a causa di un sistema di frenata illegale. La FIA ha stabilito che il sistema frenante Renault  “costituisce un aiuto alla guida e, pertanto, non è conforme all’articolo 27.1 del Regolamento sportivo Formula 1 della FIA”.

La Renault è stata squalificata dal Gran Premio di Formula 1 del Giappone

“Il sistema di regolazione del bilanciamento del freno in questione funge da aiuto per il guidatore, evitando che il guidatore debba effettuare una serie di regolazioni durante un giro.”

“Gli steward notano che esiste una chiara distinzione tra questo sistema e quello che fornisce un controllo di feedback effettivo, che sostituisce le capacità o i riflessi del conducente. Tuttavia, è ancora un aiuto e, pertanto, viola i regolamenti di Formula 1. “

Renault era riuscita ad arrivare in zona punti con entrambe le sue monoposto in Giappone. Questo risultato è stato annullato. Ricciardo aveva chiuso al sesto posto mentre Hulkenberg ha terminato al 10 ° posto, quindi la squadra francese perderà nove punti nel campionato del mondo di Formula 1 aumentando il suo divario con McLaren a 43 punti.

La Renault ha l’opportunità di appellarsi contro la decisione fino alle 10 del 24 ottobre 2019. La decisione è stata presa dopo un’audizione della FIA che si è tenuta a Ginevra mercoledì.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: molti team chiedono alla FIA di verificare la legalità del motore Ferrari


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp