Formula 1: Verstappen perde la pole position in Messico dopo aver ricevuto una penalità

Max Verstappen è stato privato della sua pole position per il Gran Premio di Formula 1 del Messico

Max Verstappen è stato privato della sua pole position per il Gran Premio di Formula 1 del Messico, poiché l’olandese è stato penalizzato per non aver rallentato quando ha superato il relitto della monoposto di Valtteri Bottas nella curva finale dell’Autodromo Hermanos Rodriguez.

Max Verstappen è stato privato della sua pole position per il Gran Premio di Formula 1 del Messico

Il 22enne era già in pole provvisoria quando è entrato nel settore finale del suo secondo giro, ma non ha alzato il piede dall’acceleratore mentre passava nella curva finale, dove un commissario stava sventolando la bandiera gialla per avvertire Verstappen dell’auto ferma di Bottas.

Inizialmente, la FIA non ha ritenuto necessario indagare sulla situazione anche se Verstappen ha registrato il giro più veloce della giornata quando ha superato il W10 distrutto da Bottas. I dati della telemetria hanno mostrato che il sette volte vincitore di un Grand Prix di Formula 1 aveva rallentato nel bit finale del giro. Tuttavia, nella conferenza stampa post qualifica, Verstappen ha osservato come fosse pienamente consapevole del fatto che Bottas si era schiantato quando si è avvicinato alla scena.

Ciò ha convinto il capo della FIA e gli altri responsabili della Formula 1 a convocare Verstappen per avere una spiegazione dei suoi commenti. Mentre i dati di telemetria indicano che ha rallentato nell’ultimo “mini settore”, i suoi commenti hanno fatto pensare l’esatto contrario.

Verstappen ha ricevuto una penalità di tre posizioni, oltre a due punti di penalità sulla sua patente di guida. Ciò significa che partirà dal quarto posto. In questa maniera la pole position è andata a Charles Leclerc, la P2 a Sebastian Vettel e la P3 a Lewis Hamilton.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: Vettel avverte i rivali che la Ferrari può andare ancora più veloce


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp