Formula 1: Verstappen teme la Ferrari in Messico

Max Verstappen è pessimista in vista del GP di Formula 1 del Messico a causa della potenza delle due Ferrari nonostante le sue vittorie nel 2017 e 2018

Max Verstappen è pessimista in vista del Gran Premio di Formula 1 del Messico, nonostante abbia vinto all’Autodromo Hermanos Rodriguez negli ultimi due anni. In tanti pensano che il pilota olandese si possa ripetere anche quest’anno. Tuttavia, Verstappen ha già suggerito di non aspettarsi che la Red Bull vinca un’altra gara in questa stagione e ritiene che l’attuale vantaggio di ritmo della Ferrari si rivelerà difficile da superare in Messico.

Max Verstappen è pessimista in vista del Gran Premio di Formula 1 del Messico

Max Verstappen ha dichiarato: “Non vedo l’ora di tornare in Messico, dato che gli ultimi due anni sono stati davvero speciali lì con le due mie vittorie. Il Gran Premio del Messico è un grande evento e i fan sono molto appassionati di Formula Uno. Ci sono folle enormi in gara e l’atmosfera in pista con le bande di mariachi, i DJ sul podio e tutto il resto messo in scena dagli organizzatori è piuttosto bello. Mi piace molto guidare lì, così come la pista è molto diversa in quanto è in alta quota e ciò la rende a bassa aderenza.

“Le curve sono anche molto tecniche, quindi devi lavorare sodo per assicurarti di ottenere il meglio, ma è una buona pista per noi normalmente. Mi aspetto che quest’anno sia un po’ più difficile a causa del ritmo della Ferrari, ma penso che possiamo ancora fare una gara molto buona”, ha concluso Max Verstappen che dunque non nasconde di temere la velocità delle due monoposto del cavallino rampante che quest’anno potrebbero dargli grossi grattacapi specie sui lunghi rettilinei del Gran Premio di Formula 1 del Messico. Vedremo dunque se i timori del giovane olandese nei confronti della Ferrari risulteranno reali.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: molti team chiedono alla FIA di verificare la legalità del motore della Ferrari


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp