Formula E: meno male che il calcio c’è!

Nel pomeriggio, in attesa delle partite, mi sono messo sul divano a guardare in tv la formula E, nonostante si svolgesse a 10 minuti da casa mia. Dopo un po’, pochi minuti,  mi sono addormentato e ad un certo punto mi è apparso in sogno il ragionier Fantozzi che  ripeteva con voce rauca la sua […]

Nel pomeriggio, in attesa delle partite, mi sono messo sul divano a guardare in tv la formula E, nonostante si svolgesse a 10 minuti da casa mia.

Dopo un po’, pochi minuti,  mi sono addormentato e ad un certo punto mi è apparso in sogno il ragionier Fantozzi che  ripeteva con voce rauca la sua celeberrima frase ” è una cagata pazzesca”.

Svegliatomi di soprassalto, mi sono costretto a vedere fino alla fine quello che poi si è rivelato uno dei peggiori eventi, perchè non si può certo chiamare spettacolo, a cui mi sia capitato di assistere in tutta la mia vita, uno show allucinante e surreale a cui mi sono ripromesso di non assistere mai più

Per fortuna erano iniziate le partite, che purtroppo si sono uniformate al cielo grigio e tetro della Capitale, probabilmente offesa anch’essa da tanta bruttezza.

Nel match delle 15, quello che non ho visto per guardare quella ciofeca elettrica, il Cagliari ha battuto l’Udinese per 2-1.

Nelle partite delle 18 successo del Genoa , 1-0 sul Crotone, e pareggio per 0-0 tra Chievo e Torino.

In serata, per completare il die horribilis, un pareggio, 0-0, tra Atalanta e Inter.

Per fortuna domattina ci sono i motori, quelli veri e poi qualche partita di cartello come Milan Napoli o il derby di Roma.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Il Mago di OZ

Dovendo scegliere uno pseudonimo con cui firmare gli articoli, cosa che non faccio per lucro, ho deciso di usare il titolo del celebre romanzo per bambini di Baum per due motivi: il primo perchè sono le iniziali del mio nome e cognome e il secondo perchè, come il mago della storia, mi piace, SENZA INVENTARE NULLA, aiutare le persone a tirare fuori quello che già possiedono dentro di loro, spesso senza saperlo