Croissant e biscotti: prelibatezza per tutti i palati, ecco come riconoscerli

-
07/04/2020

Croissant e biscotti: sono gli indispensabili capisaldi delle colazioni degli italiani.  Come nascono e come riconoscerli. 

Croissant e biscotti: prelibatezza per tutti i palati, ecco come riconoscerli

Il croissant, protagonista delle colazioni al bar e divenuto nel tempo fulcro della tradizione francese, ha la sua origine a Vienna; si narra che fu ideato per festeggiare un evento eroico del 1683 allorquando le truppe ottomane che intendevano occupare la città furono fermate dai fornai locali che, essendo svegli per il loro lavoro, avevano visto i movimenti delle truppe e, dando l’allarme, salvato la città. Tale risultato dette modo alla popolazione di festeggiare con un dolce  a forma di mezzaluna chiamato “kipferl”. 

Origini, componenti e struttura dei Croissant e biscotti 

La ricetta del croissant, pur con qualche piccola variazione apportata nel corso degli anni, è immutabile mentre quella dei biscotti è lasciata alla fantasia ed al gusto dei produttori, sia commerciali che artigianali.

In origine essa si basava su semplici fette di pane cotte in forno per due volte ma con l’introduzione in cucina dello zucchero, avvenuta a Venezia nel decimo secolo, divenne più varia e gustosa. In base agli ingredienti di cui è formato l’impasto, i biscotti si possono suddividere in secchi(senza uova e quindi più digeribili), morbidi o friabili. 

Prelibatezze per tutti i palati

Tanti sono i tipi di biscotti che si possono realizzare con vari ingredienti:con o senza ripieno, privi di lattosio e glutine(adatti quindi per gli intolleranti agli zuccheri del latte e per i celiaci), prodotti con fibre alimentari (che evitano un eccessivo assorbimento di zuccheri e sono particolarmente raccomandati per i diabetici e chi ha problemi di peso) e con frutta.


Leggi anche: Canone RAI ancora in bolletta: chi deve pagarlo e come chiedere l’esenzione

Data la composizione dei prodotti industriali, molti nutrizionisti ne consigliano un uso limitato anche se, da alcuni anni, le stesse industrie hanno sviluppato nuove ricette con il conseguente avvento sul mercato di biscotti più leggeri e gustosi.