Menù: Profumi di terra; antipasto, primo, secondo, sfizio e dolce.

-
25/10/2019

La terra con i suoi profumi inconfondibili; e i suoi sapori intensi, portati in tavola in preparazioni di antipasto, primo, secondo, sfizio e dolce.

Menù: Profumi di terra; antipasto, primo, secondo, sfizio e dolce.

Dalla terra nascono tante primizie, da profumi inconfondibili ma anche dai sapori intensi. Il menù di questa settimana lo voglio, proprio affidare a lei. La terra  che ci regala i meravigliosi funghi,  che possiamo assaporare in un buonissimo primo piatto. Trofie con funghi, besciamella e provola. Le patate, amate da tutti e non possono mancare in un buon pranzo, magari le portiamo in tavola come antipasto. Torta salata alle verdure. Le carote buone e ricche in betacarotene; che accompagnano deliziosamente i secondi di carne. Arista in cubetti alla birra. Le melanzane particolarmente saporite e amate, le possiamo preparare per esempio come portata sfiziosa, facendo le polpette. Per concludere in dolcezza, non può mancare una deliziosa fetta di torta al cioccolato, semplice fatta da ingredienti naturali come la caprese. In conclusione è un buon abbinamento di sapori, rivediamo le ricette.

Antipasto: Torta salata alle verdure

Le torte salate sono delle ottime salvacena, possono essere preparate con ingredienti che si hanno in casa e a portata di mano, che magari dobbiamo smaltire. Questa torta sembra una quiche, oltre ad essere servita come portata unica, può essere servita anche come antipasto o apericena.

Ed è un modo sfizioso di portare in tavola verdure e farle mangiare ai più piccoli, naturalmente si può usare qualsiasi verdura abbiamo o che più gradiamo. Quello che occorre è un rotolo di pasta sfoglia verdure, uova e tanta fantasia, andiamo alla ricetta.

Leggi qui la ricetta: Torta salata alle verdure, da servire come antipasto o apericena

torta salata

Primo piatto: trofie con funghi

Questo primo piatto è il tipico piatto casareccio davvero invitante e buono; facile da preparare che non si può fare a meno di cucinarlo. Quando  in famiglia mi viene richiesto non ci penso due volte, per alleggerire la pietanza ho diminuito la  quantità di besciamella facendola anche più fluida. Così oltre a dare la giusta gratinatura da anche cremosità al piatto.


Leggi anche: Fondo imprese in difficoltà: domande in riapertura

Poi mangiare funghi è importante per la nostra salute; oltre ad essere fonte di vitamina  D e B, il fungo è un antibiotico naturale e grazie agli antiossidanti che contengono prevengono l’invecchiamento. Leggi qui la ricetta: Trofie con funghi, besciamella e provola: ricetta per 4 persone

Trofie ai funghi

Secondo piatto: Arista a cubetti

La cottura alla birra conferisce alla carne oltre morbidezza, anche un gusto unico e diverso. Questo modo di cuocere è adatto a tutti i tipi di carne anche quella di tacchino e pollo.

La cottura con la birra può essere fatta sia al forno che sul fornello. Vediamo in dettaglio cosa occorre. Leggi qui la ricetta completa: Arista in cubetti alla birra, ricetta per 4 persone

arista

Polpette di melanzane

Come abbiamo già detto le melanzane sono buone in qualsiasi modo si preparano, portarle in tavola in forma di polpette oltre ad essere una variante, è anche un modo furbo di far mangiare le verdure ai più piccoli, che si sa vanno pazzi per le polpette; infatti l’ultimo dei miei ragazzi ne ha mangiate tante; pucciandone in salsa sriracha, volendo si possono preparare varie salse per accompagnare.

Semplici da fare possono essere servite come antipasto o come secondo piatto; o anche per arricchire un buffet per una festa. Basta tagliarle a cubetti e bollirle in acqua leggermente salata scolarle e farle intiepidire prima di procedere all’impasto con uova e pangrattato.

Leggi qui la ricetta: Polpette di melanzane, ricetta semplice e veloce


Potrebbe interessarti: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni

polpette di melanzane

Dolce: Torta caprese 

La caprese è un dolce di origini Campane, è una torta golosa fatta con cioccolato e mandorle, nata per caso da un pasticcere di Capri nel 1920.

La storia di questo dolce è piuttosto singolare, si racconta che il cuoco di una pasticceria, Carmine Di Fiore, doveva preparare una torta per Al Capone; per la tensione dimenticò di aggiungere farina all’impasto, ottenendo un dolce dal cuore morbido che piacque molto agli americani. Ci sono tante versioni di torta caprese, io ho scelto di fare quella del grande pasticcere napoletano Sal De Riso.

Nel suo impasto mette sia nocciole che mandorle, anche se ho preferito usare solo le mandorle come in quella originale. Seguendo le sue indicazioni è venuto fuori un dolce morbido, umido al punto giusto che non si sbriciola, tanto da finire in un attimo. Andiamo a scoprire quali sono gli ingredienti. Leggi qui la ricetta: Torta caprese, ricetta originale

torta caprese