Seppia e calamaro gratinati al forno: ricetta per 4 persone

-
17/07/2019

Un secondo piatto facile da fare, buono e gustoso, per la presenza della farina di mais usata per fare gratinare.

Seppia e calamaro gratinati al forno: ricetta per 4 persone

In  cucina oltre ad avere passione e buona volontà, ci vuole anche inventiva soprattutto nel periodo estivo; poiché il caldo fa passare la voglia di stare ai fornelli. Così si studia per trovare il modo di fare piatti veloci ma anche buoni. Per realizzare questa ricetta abbiamo bisogno di una seppia e di un calamaro di media grandezza, con  i tentacoli possiamo preparare un sughetto per la pasta; mentre il corpo dei molluschi vanno gratinati al forno con farina di mais che dona croccantezza; con aggiunta di aromi,olive e capperi danno un tocco di bontà. Andiamo a vedere cosa occorre e come preparare questo secondo piatto semplice e tanto gustoso.

Seppia e calamaro gratinati al forno dosi per 4 persone

Ingredienti:

1 seppia di media grandezza

1 calamaro di media grandezza

Farina di mais q.b.

Prezzemolo

Pepe

Aglio

Olive

Capperi

Limone

Preparazione

Lavare e pulire i molluschi, dopo aver tolto i tentacoli, che useremo per fare un sughetto per condire la pasta; tagliamo il calamaro a fette rotonde di circa 2 cm e la seppia a fette di uguale misura. Laviamo e mettiamo in un colino fino al momento di condire e cuocere.

seppie e calamari

In una ciotola capiente mettiamo la farina di mais circa 3 o 4 cucchiai aggiungiamo poco sale, pepe, prezzemolo tritato e aglio oppure quello in polvere.

Aggiungiamo i molluschi tagliati e mescoliamo fino a far aderire bene la miscela di mais e aromi . In una teglia mettiamo un filo d’olio disponiamo ordinatamente i pezzi di seppia e calamaro in un unico strato aggiungiamo qualche oliva tagliata a metà e  pochi capperi ancora un filo d’olio e un po’ di buccia di limone grattugiato. Infornare a 200° ventilato per circa 20 Min o fino a doratura.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa