General Motors profetizza che le berline saranno di nuovo popolari

Nonostante la febbre per suv e crossover un dirigente di General Motors profetizza il ritorno delle berline entro un decennio

Negli ultimi anni, le vendite di veicoli con carrozzeria a berlina sono cadute in disgrazia e la loro quota di mercato è diminuita in modo significativo. Molti produttori hanno messo da parte le berline per concentrarsi su SUV e crossover. Tuttavia, General Motors, una delle più grandi del settore, osserva che questi veicoli classici e maestosi saranno di nuovo popolari. Un dirigente senior del famoso gruppo automobilistico statunitense ha assicurato che prima o poi le berline saranno di nuovo popolari. E’ stato Michael Simcoe, capo del design della General Motors, a rilasciare queste dichiarazioni assicurando che in futuro non dovremo rinunciare in maniera definitiva alle berline.

Nonostante la febbre per suv e crossover un dirigente di General Motors profetizza il ritorno delle berline entro un decennio

Secondo Simcoe, l’industria automobilistica alla fine tornerà alle berline. A suo avviso, le persone vogliono veicoli ben progettati “che i loro vicini possano ammirare” . SUV e Crossover sono in voga in questo momento e tutti dunque vogliono questo tipo di auto. I produttori continuano a scommettere su di loro ed esplorare nuove nicchie di mercato in cui approfondire questa particolare febbre che è vissuta in tutto il mondo.

Un nuovo studio negli Stati Uniti, uno dei principali mercati per le berline, afferma che il 42% dei proprietari di una Chevrolet Cruze ha escluso il passaggio al SUV / Crossover. Invece, hanno preferito optare per altre berline come la Toyota Corolla o la Honda Civic. Nonostante ciò, rappresentano ancora una piccola quantità di vendite di auto nuove nel mercato nordamericano. Finora quest’anno, negli Stati Uniti sono stati commercializzati 4,5 milioni di berline. Si tratta di numeri sicuramente importanti che secondo il dirigente di General Motors entro un decennio potrebbero anche tornare a crescere.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler e PSA: ecco quali sono gli stabilimenti a rischio in caso di fusione


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp