Ginseng: proprietà e controindicazioni di questo energizzante

Il Ginseng è una radice che ormai si trova in commercio sotto qualunque forma: dalle bustine che ne contengono la polvere, fino a comode capsule in grado di concentrarne i poter in un piccolissimo involucro. In natura, però, il Ginseng si trova sotto forma di radice. Ecco quali sono i suoi poteri.

Ginseng: la terminologia d’origine traduce il termine italiano “uomo”, molto probabilmente per enfatizzare la conformazione fisica della radice, che sembra somigliare per certi aspetti ad un essere umano. Il Ginseng, principalmente consumato in Oriente, è oggi molto impiegato anche in Italia, per via degli innumerevoli benefici derivanti dalla sua consumazione.

Ginseng: una radice eccezionale

Fu la Corea a dare avvio alla coltivazione di Ginseng, mentre oggi la sua produzione si spinge fino a comprendere la gran parte dei Paesi del mondo.  Oggi ne esistono tantissime specie ed il suo utilizzo ha coinvolto anche nutrizionisti e medici. Spesso viene adoperato come energizzante o come strumento di potenziamento della memoria. Le sue proprietà curative sono però tantissime. Bisogna tuttavia prestare attenzione quando si acquista il Ginseng, specie se commercializzato a seguito di lavorazioni che ne modificano l’aspetto.

Quando si acquistano capsule o polveri o concentrati di Ginseng, bisogna leggerne la composizione; molto spesso se ne utilizza una piccolissima percentuale. Il Ginseng è una radice molto costosa, per cui diffidate da prodotti che vi garantiscono i suoi benefici a prezzi davvero irrisori!

Ginseng: ecco i suoi effetti benefici per l’organismo

Il Ginseng è principalmente utilizzato come energizzante, un  po’ come il caffè italiano. Il suo sapore forse ricorda quasi vagamente quello dell’orzo ed anche il colore degli infusi di ginseng è più chiaro del caffè. Esso stimola la memoria e tutti i processi cognitivi, ed è particolarmente indicato per gli studenti e per chi lavora. E’ adatto anche per le persone che soffrono di pressione bassa, mentre il suo consumo deve essere limitato in caso contrario.

Anche per problematiche dello stomaco, come una comunissima gastrite, risulta un alleato perfetto. Alcuni studi ne enfatizzano anche le probabili proprietà afrodisiache, con molta probabilità attribuibili al fatto che il Ginseng contiene alcune sostanze possedute dalle droghe.

Una radice miracolosa che divide:

Le funzioni svolte dal Ginseng non si limitano solo a queste appena descritte. Esso può adoperarsi come anti-infiammatorio, antiossidante, e antipiretico. Alcuni sostengono anche sia anti-cancerogeno e chiaramente migliora il benessere psicologico, oltre che quello fisico. Il mondo è diviso tra chi ne riconosce l’eccezionalità e chi, invece, ne sconsiglia l’utilizzo.

Certo, trattandosi di una sostanza eccitante, bisogna farne il corretto uso e limitarne l’assunzione a periodi non troppo prolungati nel tempo. Può portare infatti tremori, eccessive palpitazioni  e aumenti della pressione arteriosa. Insomma i benefici  della radice vanno contestualizzati ad un utilizzo cosciente e controllato.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!