Giornata mondiale del risparmio il 31 ottobre: storia e consigli

Con la Giornata mondiale del risparmio impariamo a risparmiare soldi, energia, tempo nel rispetto della sostenibilità.

La Giornata mondiale del risparmio nasce il 31 ottobre 1924 alla chiusura del 1° Congresso internazionale del risparmio, organizzato dall’Acri (Associazioni di Fondazioni e di Casse di risparmio) al quale parteciparono ventisei Casse di risparmio. Vendiamo perché si festeggia

Giornata mondiale del risparmio. Storia e tema della 95ª edizione

Giunta alla 95ª edizione, celebrare la Giornata mondiale del risparmio vuol dire credere nel futuro e avere progetti da investire, perché, come si legge in un’indagine svolta dall’Acri, “scegliere di non investire vuol dire distruggere materialmente parte della propria ricchezza e della ricchezza della propria famiglia”.

Lo scopo della Giornata è, infatti, insegnare a risparmiare come stimolo per cambiare le nostre abitudini e migliorare il nostro rapporto con i soldi. 

Il tema di questa edizione, “Risparmio è sostenibilità. Scelta di oggi per immaginare il domani”, fa capire che ai giorni nostri la Giornata mondiale del risparmio non vuole solo intendere risparmio di soldi, ma anche di energia, tempo e rispetto per l’ambiente.

Risparmiare. Alcuni consigli

Per iniziare a risparmiare soldi, tempo ed energia, rispettando l’ambiente,  dobbiamo impegnarci costantemente e seguire alcuni consigli:

  • fare una lista della spesa e comprare solo ciò che è nella lista;
  • comprare ciò che è necessario;
  • creare un budget considerando gli imprevisti;
  • spegnere le luci quando non servono;
  • utilizzare lampadine a risparmio energetico;
  • lasciare la macchina in garage e per spostarsi prendere la bici o i mezzi pubblici. 

Ovviamente, questi consigli non sono gli unici. Ognuno di noi, nel suo piccolo può fare qualcosa. L’importante è la voglia di iniziare a cambiare.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp