Giornata mondiale della gentilezza 13 novembre

Oggi è la giornata della gentilezza ricordiamo lo scopo per cui è nata questa giornata e proviamo ad essere gentili non solo oggi ma sempre.

Oggi è la Giornata mondiale della gentilezza. Perché dovremmo festeggiare un atteggiamento che dovremmo avere già in noi? Appunto perché la gentilezza ormai sembra un atto dovuto e non più spontaneo. Ma quando abbiamo iniziato a festeggiare la gentilezza? Scopriamolo insieme.

[citazione: Le parole gentili sono brevi e facili da dire, ma la loro eco è eterna. (Madre Teresa)]

Gentilezza: nascita di un movimento

La data di nascita della Giornata mondiale della gentilezza è il 1988 quando in Giappone fu costituito il primo gruppo del Movimento mondiale per la gentilezza (World Kindness Movement). Ma solo nel 1997, in seguito alla firma della Dichiarazione della gentilezza, si è diffusa nel mondo. Infatti, questa festa viene celebrata in Canada, Australia, Nigeria, India, Singapore e Gran Bretagna. 

In Italia la Giornata mondiale della gentilezza si festeggia dal 2000 per volontà di Giorgio Aiassa e della moglie Marta Ziveri.

Lo scopo della giornata è far capire alle persone che essere gentili non deve essere un atto fatto per ricevere qualcosa in cambio. Ma fare una gentilezza vuol dire far star bene non solo chi la riceve, ma, soprattutto, chi la fa. Di conseguenza, essere gentili crea un effetto domino: io sono gentile con te, tu sarai gentile con lui, lui sarà gentile con un altro e così via.

Essere gentili solo durante questa giornata, ovviamente, non cambierà la nostra vita, ma ci ricorderà che un piccolo gesto di gentilezza può fare una grande differenza cambiando la vita di qualcun altro.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp