Gli UFO sono umani che viaggiano nel tempo? lo sostiene un libro

Gli UFO siamo noi? un libro di recente uscita espone una teoria molto interessante

Gli oggetti volanti non identificati (UFO) hanno catturato l’attenzione del pubblico nel corso dei decenni. Dato  che il  rilevamento degli esopianeti è in aumento, tanti ipotizzano che non siamo soli nell’Universo. Tuttavia a proposito degli oggetti volanti non identificati esistono anche altre teorie. Una delle più curiose è che questi in realtà siano umani provenienti dal futuro che viaggiano nel tempo. L’idea di essere loro è stata avanzata in precedenza. Ma un recente libro, ” Identified Flying Objects: A Multidisciplinary Scientific Approach to the UFO Phenomenon ” (Masters Creative LLC, 2019), dà un nuovo sguardo a questa prospettiva, offrendo alcune proposte stimolanti.

Gli UFO siamo noi? un libro di recente uscita espone una teoria molto interessante

Il libro è stato scritto da Michael Masters, professore di antropologia biologica alla Montana Technological University di Butte. L’autore pensa che – dato il ritmo accelerato del cambiamento nella scienza, nella tecnologia e nell’ingegneria – è probabile che gli umani di un lontano futuro possano sviluppare le conoscenze e le macchine necessarie per tornare nel passato. L’obiettivo del libro, ha affermato Masters, è quello di stimolare una nuova e più informata discussione tra credenti e scettici.

“Ho adottato un approccio multidisciplinare per cercare di comprendere le stranezze di questo fenomeno”, ha detto Masters a Space.com. “Il nostro lavoro di scienziati consiste nel porre grandi domande e cercare di trovare risposte a domande sconosciute. C’è qualcosa da fare qui, e dovremmo avere una conversazione su questo. Dovremmo essere in prima linea nel cercare di scoprire di cosa si tratta. “

Masters  si è accorto che i resoconti degli incontri ravvicinati in genere descrivono gli UFO come esseri bipedi, glabri, simili a umani con un grande cervello, grandi occhi, piccoli nasi e piccole bocche. Inoltre, si dice spesso che le creature abbiano la capacità di comunicare con noi nelle nostre lingue e possiedono una tecnologia avanzata, ma chiaramente costruita sulle capacità tecnologiche di oggi. Masters ritiene che attraverso un’analisi completa di modelli coerenti di cambiamento bioculturale a lungo termine attraverso  l’evoluzione umana  – nonché i recenti progressi nella nostra comprensione del viaggio nel tempo e nel tempo – possiamo iniziare a considerare la possibilità che gli UFO siamo noi. 

Ti potrebbe interessare: Zombi, fantasmi e UFO: oltre 300 segnalazioni in Nuova Zelanda negli ultimi anni


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp