Grana Padano risponde al servizio di Report sulla questione latte straniero nei formaggi italiani

Grana Padano risponde a Report, il latte straniero non va nei formaggi italiani.

Non si fa attendere la risposta di Grana Padano al servizio di Report dove si parla della presenza di latte straniero nei formaggi italiani e dichiara di voler fare azioni legali contro la trasmissione, ribattendo punto per punto sulla questione.

Grana Padano risponde alla trasmissione Report e dichiara di andare in Tribunale

Stefano Berni in forza a Grana Padano, scrive una lettera a Report e dichiara guerra alla trasmissione, sia i consorziati che i convenzionati sono stati messi in imbarazzo nei confronti dei loro clienti e dichiara fortemente che nel Grana Padana non ci va a finire neanche una goccia di latte straniero e che si batterà fino ad arrivare ad azioni legali per ripristinare la verità e riparare alle stupidaggini che sono state dette.

Ancona Berni dichiara che non solo è vietato il latte straniero, ma ci sono anche altri motivi per cui non può essere usato, vediamo quali:

  • il latte che proviene dall’estero non è idoneo per vari motivi, tra cui la sicurezza della temperatura che avviene durante il tragitto, lo sbattimento, il tempo che intercorre tra mungitura e inizio lavorazione, in particolare quando parliamo di latte crudo:
  • il sistema di controllo è molto attento e affidabile.

La lettera viene chiusa con una frase sibillina, se bastasse una trasmissione superficiale e faziosa a mettere in discussione serietà , trasparenza e consumi ………… La cosa che non ci si spiega e che una rete come la RAI, un servizio pubblico possa infangare circa 140 caseifici, 200 tra confezionato e stagionatori, 5.000 stalle, 50.000 lavoratori, insomma per attirare un pò di pubblico infangare l’Italia è farci male da soli, con notizie che poi non sono neanche vere.

La lettera viene chiusa con un avvertimento, chi sbaglia deve pagare, non può essere lasciato lì e poter dire notizie infondate e false, quindi la denuncia andrà avanti.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp