Gruppo Credem al fianco di save the children per sostenere i diritti dei bambini, da oggi al 27 settembre

Credem al fianco di save the children  per continuare a sostenere i diritti dei bambini

Credem al fianco di save the children  per continuare a sostenere i diritti dei bambini. Da oggi Da oggi al 27 settembre saranno presenti i dialogatori dell’Organizzazione presso le filiali dell’istituto; obiettivo illustrare gli oltre 2 illustrare gli oltre 290 progetti realizzati dall’Organizzazione in Italia e nel mondo, approfondire le iniziative legate alla partnership con l’istituto per contrastare la povertà educativa minorile e raccogliere fondi.

Parte oggi 25 settembre il nuovo progetto promosso congiuntamente da Credem, tra i principali e più solidi istituti bancari italiani con oltre 630 filiali e più di 6 mila dipendenti in tutta Italia, e Save the Children Save the Children Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

In particolare, in una prima fase che durerà tre giorni da oggi al 27 settembre, Credem accoglierà i dialogatori di Save the Children per coinvolgere i clienti nelle iniziative realizzate all’interno della partnership, attiva da 16 anni, tra l’Organizzazione e l’istituto.

Le filiali che ospiteranno, per prime, i dialogatori di Save the Children sono 42 in tutta Italia. I dialogatori illustreranno le attività concrete della partnership, finalizzate a garantire un’istruzione di base qualificata e condizioni di vita migliori a milioni di bambini nella fascia di età dai 6 ai 16 anni, che vivono nei contesti più svantaggiati, in Italia e nel mondo. La seconda fase dell’iniziativa prevede di estendere entro fine anno le giornate di condivisione e solidarietà ad altre filiali.

Dal 2003 Credem ha scelto di sostenere Save the Children, un’organizzazione unica nel suo genere, che si caratterizza per l’esperienza, la concretezza e l’affidabilità di tutte le persone che lavorano per migliorare la vita dei bambini e delle loro famiglie. L’istituto bancario insieme all’associazione contribuisce ogni giorno a salvaguardare il futuro dei bambini condividendo gli stessi valori definiti dall’agenda 2030 dell’Organizzazione Nazioni Unite, che intendono impegnarsi contro ogni forma di povertà minorile e tutelare il rispetto dei diritti dei bambini, della loro istruzione e del loro salute.

Anche attraverso il supporto di Credem, Save the Children ha realizzato numerose iniziative nei paesi in via di sviluppo quali Etiopia, Repubblica Democratica del Congo e Uganda per ridurre la mortalità infantile e per migliorare la qualità dei servizi sanitari dei bambini. Dal 2014, inoltre, l’istituto bancario ha sostenuto per primo la campagna “Illuminiamo il futuro” finalizzato a contrastare la povertà educativa in Italia e articolato a sua volta in due attività strettamente integrate tra loro. La prima iniziativa prende il nome di Punti Luce e si occupa di fornire spazi educativi, animati dagli operatori dell’Organizzazione, rivolti ai bambini, agli adolescenti e ai loro genitori, i quali possono trovare al proprio interno opportunità di crescita e di sviluppo dei propri talenti.

La seconda iniziativa del progetto, denominata Doti Educative, consiste in un intervento personalizzato realizzato attraverso un piano individuale e da un budget dedicato alla fornitura di beni e servizi educativi per i singoli bambini che vivono in condizioni di certificata povertà.

Il Gruppo Credem Gruppo Credem Gruppo Credem è presente su tutto il territorio nazionale con 638 tra filiali, centri imprese, e negozi finanziari, oltre 6.223 dipendenti, 806 consulenti finanziari con mandato. Anche nella prima parte del 2019 il Gruppo Credem ha continuato a sviluppare il modello di banca
assicurazione che si rivela particolarmente efficace nella gestione delle molteplici bisogni della clientela. Il Gruppo ha proseguito nel sostegno all’economia del Paese, con i prestiti in crescita del 5% a/a (rispetto al sistema che segna +0,6% nello stesso periodo) raggiungendo 25,5 miliardi di euro. Confermata anche la solidità patrimoniale, stabilmente ai vertici del sistema bancario. Il CET1 Ratio si è attestato a 13,3% con 530 bps di margine rispetto al livello minimo normativo (comprensivo del requisito addizionale SREP assegnato dalla Banca Centrale Europea) pari all’8% (requisito più basso tra le banche italiane vigilate direttamente da BCE). Nel semestre è proseguito il percorso di crescita dell’organico con 149 assunzioni di cui 77,2% neo diplomati e neo laureati. L’utile netto consolidato è
in crescita del 6,8% a/a a 101,5 milioni di euro rispetto a 95 milioni di euro a fine giugno 2018 a conferma della costante redditività del Gruppo.

Save the Children è una Organizzazione internaziona Save the Children le che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.
Attualmente l’Organizzazione opera in quasi 120 Paesi al mondo, grazie ai suoi progetti di salute e nutrizione, educazione, contrasto alla povertà, protezione e partecipazione, con l’obiettivo di migliorare concretamente la vita di milioni di bambini, compresi quelli più difficili da raggiungere.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”