Guidare a piedi nudi o in ciabatte, si può? Vediamo cosa dice la legge e non solo

Spesso ci facciamo la stessa domanda, ma non riusciamo poi a capire la legge cosa ci dice: quali scarpe sono adatte alla guida?

Spesso ci facciamo la stessa domanda, ma non riusciamo poi a capire veramente la legge cosa ci dice in quanto le voci sono contrastanti. Una cosa è assodata, non esiste una norma dedicata all’argomento, ma nonostante ciò si vede spesso che le persone si portano in auto le scarpe per indossarle quando si è alla guida per paura di incorrere in qualche sanzione, anche le donne con tacchi molto alti lo fanno, ma li forse è per un fatto di comodità.

Guidare a piedi nudi: cosa dice effettivamente la legge, vediamo

È dal 1993 che non esiste una norma del Codice della Strada che vieti la guida con l’infradito o qualsiasi tipo di scarpa aperta, o a piedi nudi, lo ha precisato di recente il portale della Polizia di Stato. Quindi, è ha discapito del guidatore autodisciplinarsi per poter guidare in maniera comoda e efficace facendo attenzione di non arrecare alcun pericolo a se stesso, ai passeggeri e ad ultri utenti della strada. Il rischio che incombe sugli automobilisti è legato all’assicurazione auto, in caso di incidente potrebbero esserci delle conseguenze spiacevoli per l’automobilista se guidava con ciabatte o a piedi nudi.

Questo potrebbe accadere nel caso in un incidente le forze dell’ordine potrebbero segnalare nel verbale il dettaglio che l’automobilista guidava o con ciabatte o a piedi nudi, e per l’assicurazione questo atteggiamento farebbe parte di un comportamento a rischio che potrebbe essere stato la causa dell’incidente. Potrebbe capitare dunque, che l’assicurazione dopo pagato i danni, chieda poi la rivalsa al conducente per non aver rispettato il codice della strada. Secondo la normativa, il conducente deve essere sempre in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizioni di sicurezza.

Il conducente potrebbe dover pagare i danni provocati agli altri veicoli in caso di incidente e anche le spese mediche se ci fossero feriti e i danni permanenti causati.

Patente di guida, l’Agenzia delle Entrate interviene con una batosta


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp