Huawei ha intenzioni serie, il settore delle auto trema

Huawei è pronta a utilizzare la sua avanzata tecnologia 5G per sviluppare avanzati sistemi radar per veicoli a guida autonoma

Huawei sembra avere intenzione di mettere piede nel settore auto. La società cinese pronto a utilizzare la sua avanzata tecnologia 5G per sviluppare sistemi radar per veicoli a guida autonoma, riferisce Reuters. Parlando durante una recente conferenza a Pechino, il vice presidente della società cinese Xu Zhijun ha affermato che la società sta cercando di svolgere un ruolo più importante nel settore automobilistico e costruirà un “ecosistema” di sensori che equipaggeranno le auto. La tecnologia 5G sarà utilizzata per sviluppare sistemi LIDAR radar a onde millimetriche, ha aggiunto Xu. Tuttavia, la società non ha menzionato il tempo necessario per sviluppare tali sistemi e quando potrebbero raggiungere il mercato.

Huawei sembra avere intenzione di mettere piede nel settore auto

I sistemi radar radar e laser sviluppati da Huawei verranno infine utilizzati da veicoli autonomi per raccogliere informazioni sull’ambiente circostante. Un ostacolo per Huawei è che la società cinese è assa indietro rispetto a molte altre società tecnologiche e case automobilistiche che sviluppano tali sistemi già da tempo. Tuttavia le grandi risorse di cui dispone l’azienda le consentiranno di sviluppare rapidamente sistemi radar innovativi. Resta da vedere se sarà abbastanza veloce.

Un altro ostacolo che Huawei dovrà affrontare è la sua battaglia in corso con funzionari degli Stati Uniti che hanno espresso sfiducia nella società e nella sua tecnologia 5G. Se i legislatori vieteranno l’uso dei sensori Huawei nelle auto guidate negli Stati Uniti, la società perderà l’accesso al secondo mercato automobilistico più grande del mondo.

Ti potrebbe interessare: Cosa succederà da oggi in poi a chi possiede uno smartphone Huawei?

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp