I topi mangiano senza ingrassare: ecco perché. Scoperto il gene dell’obesità

Adesso è possibile mangiare senza ingrassare, scoperto di recente il gene dell’obesità, ecco di cosa si tratta

Un gruppo di ricerca internazionale, condotto da studiosi australiani, avrebbero scoperto che disattivando il gene RCAN1, i topi potrebbero mangiare senza ingrassare. Da non molto, si è scoperto che disattivando questo singolo gene si potrebbe mangiare senza aumentare di peso, vi chiederete perché? Dallo stesso studio è emerso che questo gene è presenti sia nei topi che nell’essere umano. Gli studiosi, suggeriscono che sarebbe possibile ingerendo una semplice pillola.

Leggi anche: L’Italia seconda in Europa per quanto riguarda l’obesità infantile, ecco cosa sta succedendo

Scoperto il gene dell’obesità

Una volta scoperto il gene chiamato RCAN 1, la ricerca è continuato, valutando di produrre una pillola in grado di disattivare questo gene. Quali sarebbero le positività? Prima di tutto, la lotto contro l’obesità, oppure malattie metaboliche correlate come per esempio il diabete di tipo 2. Cosi, come ha scoperto l’efficacia della modifica genetica, questo team di ricercatori guidati dagli scienziati dell’Università Flinders di Adelaide, in Australia.

Leggi anche: Terapia anti obesità, brucia calorie senza aumentare l’appetito

Gli scienziati, come prima cosa, sono andati a caccia di nuovi candidati genetici per quanto riguarda l’aumento di peso, come per esempio il gene RCAN1, o meglio nominato gene dell’obesità, che avrebbe un ruolo chiave per regolamentare il metabolismo e calore corporeo.

Cosa succede quando si disattiva RCAN1?

In poche parole, il grasso bianco (quello che immagazzina energia, verrebbe trasformato in grasso buono). I farmaci sotto test che sarebbero in fase di studio, riuscirebbero a bruciare calorie addirittura mentre si riposa, cosi facendo, si ridurrebbe la necessità di consumare meno cibo e di fare esercizio fisico. Chiaramente gli scienziati, non hanno nessun interesse a promuovere quello che sarebbe una vita malsana, ma aiutare quelle condizioni cliniche che possono riscontrare alcuni pazienti, con la problematica dell’obesità o chi vorrebbe fare più attività fisica, ma che per motivi di salute, non può. I ricercatori, sono molto ottimisti per quanto riguarda la sperimentazione clinica e continueranno ad approfondire e a fare indagini in merito.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.