Il Bonus Carta Docenti spetta anche agli educatori?

All’interno della scuola di oggi lavorano anche molti educatori in qualità di docenti. E’ giusto, quindi, che gli stessi percepiscano il Bonus Docente?

Il Bonus Carta del Docente è un Bonus il cui valore di 500 euro è destinato ai docenti di ruolo per aggiornare la propria formazione professionale. E’ molto tempo che  si discute di allargare la platea dei beneficiari ma ne sono ancora esclusi i docenti precari, i docenti che pur essendo stati immessi in ruolo dal recente piano straordinario di assunzioni non hanno pero raggiunto la provincia provvisoria di titolarità in quanto impegnati i supplenze annuali, i docenti di scuole private e gli educatori. Qualcosa cambierà? Vediamolo più da vicino.

Bonus Carta docente spetta anche agli educatori? Cosa dice la sentenza

Diciamo che per gli educatori qualcosa potrebbe cambiare.

Infatti, direttamente dal Tribunale di Frosinone arriva la notizia che è stato condannato il MIUR (sentenza n. 787 del 17.09.2019) a riconoscere anche agli educatori il diritto di beneficiare del Bonus da 500 euro per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

Il tutto nasce dal fatto che il Tribunale del Lavoro di Frosinone ha accolto un ricorso, seguito dagli Avvocati Domenico Naso e Valerio Lancia, di alcuni educatori che avevano riscontrato la mancata percezione dall’anno scolastico 2015/2016 del Bonus Carta Docente.

Il tribunale ci ha tenuto a precisare che il contratto collettivo colloca il personale educativo tra il personale docente e assegna al primo la funzione educativa partecipativa del processo di formazione ed educazione degli allievi.

Questo viene anche confermato dall’art. 398 co. 2 del D.Lgs. 297 del 1994 che stabilisce l’applicabilità al personale educativo delle disposizioni concernenti lo stato giuridico e il trattamento economico dei docenti elementari.

Un’ultima precisazione del Tribunale di Frosinone è la seguente:

“il personale educativo partecipa anche alla funzione di formazione e di istruzione degli allievi, convittori e semiconvittori, ed è collocato espressamente all’interno dell’area professionale del personale docente”

e dunque

“appare indiscutibile allora la piena equiparazione del profilo professionale di educatore con quello di docente ad ogni effetto di legge, anche con riferimento alla cd. Formazione professionale e agli strumenti attraverso cui l’amministrazione provvede alla sua concreta erogazione in favore del personale scolastico”.

Leggi anche:

Scuola a prova di disabilità: le innovazioni

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.