Il cancro ci uccide: “Io voglio vivere” il grido dei ragazzi di Siracusa

Il cancro prende i nostri cari, la vita è un diritto e “IO VOGLIO VIVERE” il grido dei ragazzi di Siracusa.

La mamma di Irene ci ha raccontato della fiaccolata tenuta il 4 aprile ad Agusta “Il diritto all’oblio” per non dimenticare, per combattere nella speranza che qualcosa cambi. La vita è un diritto e “IO VOGLIO VIVERE” il grido dei ragazzi di Siracusa.

Fiaccolata in nome di Irene, la guerriera col sorriso

Il 4 di aprile ad Augusta insieme a Don Palmiro e al Comitato Stop Veleni è svolta una fiaccolata in memoria delle vittime del cancro e in memoria di mia figlia Irene, che proprio quel giorno avrebbe compiuto 25 anni. Saranno presenti i genitori Di Ponzio,  genitori di Giorgio vittima del cancro a soli 15 anni….vivono a Taranto.

Durante la fiaccolata, pioveva, ma il brutto tempo non ci ha fermati. Come al solito la popolazione non risponde come dovrebbe.

Un grazie infinito alle persone che nonostante la pioggia, ha partecipato alla fiaccolata. 

Un grazie particolare a Padre Palmiro, il simbolo della lotta all’inquinamento e al Comitato Stop Veleni.

Grazie alla famiglia Di Ponzio, i genitori di Giorgio,  vittima del cancro a soli 15 anni. Vivono a Taranto.

Grazie ad Anna Ferrara, mamma di Luciano vittima del cancro a soli 24 anni. Vive a Mazara del Vallo 

Grazie a Graziella Cavallaro, mamma di Daniele,vittima del cancro a soli 6 anni. Vive ad Acireale. 

Il cancro non ha confini

Questo per dire che il cancro non ha confini.  Abbiamo un territorio malato e chi come me ha fatto i viaggi della speranza lo sa. Io ne ho fatto 2 e i reparti oncologici sono strapieni per non parlare di quelli pediatrici. 

Noi siamo mamme, papà che siamo stati costretti a farcela venire la forza, ci siamo rialzati e abbracciato questa battaglia. Siamo consapevoli che i nostri figli non torneranno mai piú da noi, ed é per questo che noi lottiamo affinché non ci siano piú delle giovani vite spezzate, con i loro sogni e progetti per il futuro chiusi dentro a un freddo loculo e affinché non ci siano piú delle famiglie straziate dal dolore, perchè voi non avete idea di quello che succede all’interno di una famiglia quando muore un figlio. 

Io voglio vivere

Noi abbiamo il dovere di proteggere i nostri figli e di garantire loro un futuro. I nostri figli gridano: IO VOGLIO VIVERE !

Oggi è il compleanno di Irene (4 aprile),  avrebbe compiuto 25 anni, ma Irene ne avrà 22 per sempre. 
E siccome voglio credere che ci sia un’aldilà,  io stasera a mia figlia gli auguri glieli voglio fare insieme a voi nella speranza che riesca a sentirmi: Buon compleanno Irene, ovunque tu sia.

Anche Carla, la mamma di Giorgio, ha parlato e anche Graziella la mamma del piccolo Daniele. Anna invece, la mamma di Luciano, non ne ha avuta la forza: l’emozione era tantissima.
Oltre alle mamme, hanno parlato il Sindaco di Augusta, Padre Angelo e infine Padre Palmiro. 

Tra i ragazzi che portano al collo la pettorina con la scritta: IO VOGLIO VIVERE, c’è mio figlio Massimiliano, la sua fidanzatina Carlotta, le sue compagne di classe quinta DL (Silvia, Chiara, Simona e Ludovica) dell’istituto Quintiliano di Siracusa, l’amico di Irene, che adesso è diventato il fratello maggiore di Massimiliano,  Chiara l’amica di Irene , le due piccole cugine di Irene: Giulia e Ginevra, Sebastian: un ragazzo che ci trascinato nella sua meravigliosa missione…ripulire le coste dalla plastica e infine il “grande” Leonardo Tiralongo..il sindaco dei ragazzi di Siracusa 

Uniti per vivere

Tutti uniti contro la lotta della vita, perché vivere è un diritto che non ci può essere negato. Solo se siamo uniti vinceremo contro un sistema che preferisce seppellire anziché dare vita. 

Raccontatemi la vostra storia, il vostro appello, mandatemi una mail a: notizieora.it@gmail.com

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”