Il coronavirus “annulla il Natale”: la produzione globale di giocattoli è paralizzata

Il mondo potrebbe dover festeggiare il Natale in modo leggermente diverso quest’anno secondo gli esperti a causa del coronavirus

Il mondo potrebbe dover festeggiare il Natale in modo leggermente diverso quest’anno secondo gli esperti a causa del coronavirus. Ci riferiamo alle chiusure di fabbriche, alle restrizioni nei viaggio e a potenziali problemi nella catena di approvvigionamento. Questo significa che i giocattoli e l’elettronica destinati a essere fabbricati in Cina per i regali di Natale a mesi di distanza sono a rischio. Le fiere di Natale in tutta Europa, sono già state cancellate. La chiusura di massa di fabbriche e quarantene per arrestare la diffusione della malattia in Cina potrebbe continuare a interrompere la produzione di elettronica nel periodo natalizio del 2020.

Il mondo potrebbe dover festeggiare il Natale in modo leggermente diverso quest’anno secondo gli esperti a causa del coronavirus

Il consulente della Silicon Valley Andre Neumann-Loreck ha dichiarato alla CNBC: “Le aziende con un prodotto in fase di sviluppo, sia che si trovino nella fase di prototipazione o nella fase NPI, sono a rischio per le feste di Natale 2020 perché i programmi per le vacanze sono già stretti e i programmi stanno già cambiando perché le fabbriche non sono aperte a causa del coronavirus e le catene di approvvigionamento non sono attive. Nel frattempo i rivenditori di giocattoli del Regno Unito, che ottengono l’85% delle loro scorte dalla Cina, stanno già prevedendo carenze poiché le fabbriche di solito iniziano la produzione di giocattoli di Natale a febbraio e spediscono ad aprile.

Il Financial Times riporta che i capi di MGA Entertainment, che producono Bratz e LOL!, stanno avvertendo che il coronavirus potrebbe portare a carenze di giocattoli. Secondo quanto riferito, altri marchi di punta sono in una situazione simile. ” Questa crisi ha colpito il settore dei giocattoli alla grande”, ha dichiarato Isaac Larian, fondatore e amministratore delegato di MGA Entertainment. “Ci sarà una carenza di giocattoli, in tutto il mondo.”

Ha aggiunto: “Tutte le aziende di giocattoli iniziano la produzione di prodotti autunnali subito dopo il capodanno cinese. Questi sono giocattoli per Natale. “Ora abbiamo già perso almeno tre settimane nel nostro ciclo di produzione. Ho appena ricevuto una telefonata che alcune delle nostre fabbriche potrebbero non aprire fino a metà aprile”. “Non puoi prolungare il Natale. È sempre il 25 dicembre”, ha aggiunto. “Quindi, sì, la disponibilità dei nostri prodotti in modo tempestivo sarà gravemente compromessa.”

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: Tesla ha annunciato una riduzione temporanea dello stipendio dei suoi dipendenti tra il 10 e il 30%


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp