Il Coronavirus è nato in laboratorio? Indagano gli USA

Funzionari dell’intelligence statunitense stanno studiando la teoria secondo cui il nuovo coronavirus è nato in un laboratorio a Wuhan ed è stato accidentalmente diffuso

Funzionari dell’intelligence statunitense stanno studiando la teoria secondo cui il nuovo coronavirus è nato in un laboratorio a Wuhan ed è stato accidentalmente diffuso, secondo quanto riferito dalla CNN giovedì, citando diverse fonti coinvolte, sebbene abbia sottolineato che l’idea era tutt’altro che comprovata. Il rapporto ha aggiunto che altre fonti avevano detto alla CNN che l’intelligence americana non è stata in grado di confermare la teoria, ma sta cercando di “discernere se qualcuno è stato infettato in laboratorio a causa di un incidente o una cattiva manipolazione dei materiali e potrebbe aver infettato altri”.

Funzionari dell’intelligence statunitense stanno studiando la teoria secondo cui il nuovo coronavirus è nato in un laboratorio a Wuhan

All’inizio di questa settimana, il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, ha dichiarato che l’intelligence americana aveva esaminato la possibilità che il nuovo coronavirus fosse nato in un laboratorio cinese, ma che sembrava essere di origine “naturale”. Nel frattempo Fox News ha dichiarato mercoledì che il virus “probabilmente ha avuto origine” in un laboratorio di Wuhan, citando fonti informate sulla questione. Il rapporto afferma che il virus non è stato sviluppato come un’arma biologica, “ma come parte dello sforzo della Cina di dimostrare che i suoi sforzi per identificare e combattere i virus sono uguali o maggiori degli Stati Uniti”.

Le fonti hanno riferito a Fox che mentre il coronavirus era un virus presente in natura trasmesso dai pipistrelli agli umani, il “paziente zero” ha lavorato in laboratorio, quindi è andato al mercato umido di Wuhan, dove il virus ha iniziato a diffondersi nella popolazione. Alla domanda di Fox sul rapporto durante il suo briefing stampa alla Casa Bianca mercoledì, il presidente Donald Trump ha dichiarato che “stiamo ascoltando la storia”, aggiungendo che “stiamo facendo un esame molto approfondito di questa orribile situazione”.

Le osservazioni del generale Mark Milley sono arrivate dopo che il Washington Post ha riferito che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel 2018 aveva espresso preoccupazione per un laboratorio nella città di Wuhan, l’Istituto di virologia di Wuhan, che stava eseguendo studi sul coronavirus con i pipistrelli.

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: un nuovo studio suggerisce che COVID-19 potrebbe essere passato dai cani agli umani


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp