Il Coronavirus soffre il caldo, la seconda ondata in autunno, ecco perchè

Il Coronavirus soffre il caldo, ama in autunno la curva possa riprendere a risalire, e il fenomeno potrebbe durare due anni.

Stando agli ultimi dati ufficiali sul Coronavirus il contagio è in forte discesa in Italia, secondo quanto afferma anche il virologo Guido Silvestri, analizzando i dati dei contagi e dei ricoveri negli ultimi giorni. L’ipotesi che subito è risaltata è che il Coronavirus soffra il caldo. Detta così può sembrare difficile da credere, ma a confermare questa tesi è il virologo Silvestri.

Il post sui social di Silvestri sul Coronavirus e il caldo

Il virologo Silvestri è docente alla Emory University di Atlanta e, leggendo un post, fa chiarezza sui social rispondendo al lettore, come riporta il sito Adnkronos.

Il lettore afferma con un post sui social che il virus opera all’interno del corpo umano ad una temperatura media di 37° e non si fa problemi quando subentra la febbre con temperature elevate. Inoltre, afferma che la guarigione altrimenti sarebbe possibile semplicemente curando la febbre,e fa un’affermazione sul virus, che sembrerebbe non sopportare i 60°.

Il virologo Silvestri fa chiarezza e afferma che le affermazioni del lettore non sono da considerare, risponde che queste affermazioni sono sciocchezze e spiega che, quando si afferma che al virus non piaccia il caldo, non vuol significare che il virus viene disattivato dal calore, ma che le famose goccioline che trasportano il Covid-19 negli ambienti siano instabili.

Silvestri spiega che questo meccanismo è noto ai virologi da decenni e riguarda tutte le infezioni stagionali che prediligono l’inverno. Continua precisando che questo concetto è ovvio e che ogni studente agli inizi lo conosce e sa spiegarlo.

La seconda ondata probabilmente ad ottobre

Riallacciandoci al riguardo delle stagioni, gli esperti infatti ipotizzano che la seconda ondata da contagio Coronavirus arriverà in autunno. Un team di esperti negli Stati Uniti ha affermato che probabilmente il Coronavirus continuerà il suo percorso per due anni e ad ottobre ci potrebbe essere la seconda ondata di contagio.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp