Il coronavirus uccide il medico cinese che per primo aveva denunciato i rischi di un’epidemia

Morto il primo medico cinese che avviso del rischio di un’epidemia da Coronavirus, non è chiaro il giorno della sua morte, ultime news.

Il medico cinese che ha segnalato i primi rischi del coronavirus è stato contagiato e morto, lo ha comunicato l’ospedale che lo stava curando. Il medico Li Wenliang contrasse il virus mentre lavorava al Wuhan Central Hospital.

Aveva avvisato dei rischi del coronavirus

Il 30 dicembre aveva inviato un avviso ai compagni di medicina, ma la polizia gli aveva detto di smettere di “fare commenti falsi”.

Ci sono state notizie contraddittorie sulla sua morte, ma il People’s Daily ora dice che è morto alle 02:58 di venerdì (18:58 GMT di giovedì).

Il virus ha ucciso oltre 560 persone e infettato 28.000 in Cina.

Il Coronavirus provoca gravi infezioni respiratorie acute e i sintomi di solito iniziano con la febbre, seguita da una tosse secca. È probabile che la maggior parte delle persone infette guarisca completamente, proprio come quando si contrae l’influenza.

Come è stata segnalata la morte?

Ancora incertezze sulla data e orario della sua morte, il Global Times, il People’s Daily e altri media cinesi avevano segnalato la morte del dottor Li all’inizio di giovedì.

Il dottor Li, aveva 34 anni, è stato inizialmente dichiarato morto alle 21:30 ora locale e la notizia ha scatenato un’enorme ondata di reazione popolare su Weibo, l’equivalente cinese di Twitter.

Il People’s Daily ha inviato un tweet dicendo che la morte del dott. Li ha scatenato il “dolore nazionale”.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp