Il detenuto scappa dagli arresti domiciliari e si riconsegna alla polizia

Il detenuto scappa dagli arresti domiciliari e si riconsegna alla polizia perchè non sopporta più la moglie, sembra assurdo ma è così, ecco la storia.

Si, è proprio tutto vero, la notizia sta conquistando le pagine di tutti i principali quotidiani locali e dei principali siti italiani, un ex spacciatore di 49 anni dopo essere stato arrestato, avrebbe scontato una prima parte della sua pena presso il carcere di Rebibbia, e lo scorso maggio era tornato a casa per finire di scontare la pena agli arresti domiciliari.

Vediamo dopo che l’uomo è tornato a casa cosa è successo

Sembrerebbe però che il clima domestico non fosse proprio dei migliori, tanto da fargli rimpiangere il fatto di essere uscito dal carcere per stare con la famiglia e spingerlo a recarsi al Commissiarato per chiedere aiuto, come? Proprio quello che voleva, un’accusa per evasione dagli arresti domiciliari. Il giudice, una volta sentito i fatti e i motivi che lo avevano spinto a fare questo gesto, è stato clemente con il 49enne, gli ha consentito di scontare il resto della pena presso un’associazione Onlus.

Le dichiarazioni del malcapitato

Le dichiarazioni al giudice sono state che in primis non sopportava la moglie e poi ha dichiarato: “meglio il carcere che stare a casa con mia moglie, faccio tutto io, lavo, stiro, cucino e altro ancora, e poi tutto quello che succede è colpa mia”. Se questa dichiarazione non l’avesse fatta un uomo che preferiva stare in carcere e non agli arresti domiciliari con la famiglia, avremmo detto sicuramente che era lo sfogo di un marito con una moglie un po’ troppo assillante.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp