Il fatturato automobilistico diminuirà di 24,7 miliardi a causa di Covid-19

Il settore automobilistico perderà circa 24,7 miliardi di euro di fatturato nel 2020, a causa degli effetti della crisi derivata dalla pandemia di Covid-19

Il settore automobilistico perderà circa 24,7 miliardi di euro di fatturato nel 2020, a causa degli effetti della crisi derivata dalla pandemia di Covid-19. Le fabbriche hanno chiuso per due mesi durante il picco della crisi sanitaria e le vendite di veicoli sono precipitate da allora, al punto che i marchi automobilistici considerano già impossibile raggiungere i risultati dell’anno precedente. Uno studio della società di consulenza Kiriom prevede che l’industria automobilistica non tornerà ai livelli pre-coronavirus almeno fino al 2022, sebbene la ripresa possa essere ritardata in caso di gravi epidemie che interrompono nuovamente l’economia.

Il settore automobilistico perderà circa 24,7 miliardi di euro di fatturato nel 2020, a causa degli effetti della crisi derivata dalla pandemia di Covid-19

Kiriom mostra buone prospettive di noleggio a privati ​​e sottolinea che il canale digitale raddoppierà il suo volume prima del 2025, data la circostanza che coloro che sono interessati all’acquisizione di un veicolo andranno meno dai rivenditori. Sostiene che l’ascesa dell’auto elettrica può anche essere rallentata dal suo prezzo elevato e da ciò che definisce una mancanza di innovazione. Insomma tira una brutta aria per il settore automobilistico che già prima della crisi del coronavirus era fortemente provato ma che adesso è al collasso.

Ti potrebbe interessare: Pensione Quota 100 e partita IVA, non è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro autonomo

Settore automobilistico

Il settore automobilistico perderà circa 24,7 miliardi di euro di fatturato nel 2020, a causa degli effetti della crisi derivata dalla pandemia di Covid-19

Ti potrebbe interessare: Acquisto auto disabile con legge 104 e bonus fino a 6.000 euro, occorre la residenza con il disabile?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp