Il Polo Nord è una “bomba a orologeria” in attesa di rilasciare malattie mortali peggiori del coronavirus

Alcuni scienziati hanno affermato che il Polo Nord è una “bomba a orologeria” in attesa di scatenare malattie ancora più mortali del coronavirus

Mentre l’umanità sta affrontando la diffusione di COVID-19, i ricercatori credono che ci siano molti più agenti patogeni mortali che sono stati congelati nell’antico passato della Terra nel ghiaccio artico. E mentre il pianeta continua a scaldarsi e i poli si sciolgono, alcuni scienziati hanno affermato che il Polo Nord è una “bomba a orologeria” in attesa di scatenare malattie ancora più mortali del coronavirus per il mondo. La Fondazione Parvati, che è un gruppo di volontari che lavora per creare MAPS, il Marine Arctic Peace Sanctuary, “per il bene di tutta l’umanità” ha avvertito che quando il ghiaccio nell’Artico si scioglierà, i batteri ai quali il sistema immunitario umano non è abituato verranno rilasciati.

Alcuni scienziati affermano che il Polo Nord è una “bomba a orologeria” in attesa di scatenare malattie ancora più mortali del coronavirus

I risultati potrebbero rivelarsi catastrofici, potenzialmente anche di più dell’attuale pandemia di coronavirus. Una dichiarazione della Fondazione Parvati affermava: “Il nostro mondo è giunto a una pausa senza precedenti nel tentativo di mitigare la diffusione del coronavirus COVID-19. I medici lo chiamano un nuovo coronavirus, il che significa che è nuovo per la nostra popolazione e nessuno di noi ne ha immunità. Il costo nella vita umana e il caos diffuso che provoca sta consumando il nostro pianeta. Ma ciò che molti di noi non capiscono è che il nostro mondo ha una bomba a orologeria piena di agenti patogeni, che sarebbero tutti ‘nuovi’ per noi, se liberati.”

Ti potrebbe interessare: Fine del mondo alle porte secondo Gianninoto: il 17 giugno si avvicina


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp