Il ritiro dal cinema di Daniel Day-Lewis dopo “Il filo nascosto”

Daniel Day-Lewis, uno dei migliori attori di questa epoca del cinema, ha annunciato il ritiro dopo il film “Il film nascosto”. In un’intervista recente, l’attore ha spiegato il motivo di questa drastica decisione.

Dopo aver vinto ben 3 Premi Oscar per film come , “Il mio piede sinistro”, “Il Petroliere” e “Lincoln”, l’attore inglese Daniel Day-Lewis si ritira. E’ sicuramente uno degli attori più bravi di questa epoca del cinema. Ma ci si chiede quale sia il vero motivo di questa drastica decisione. Daniel Day-Lewis annuncia come suo ultimo film “Il filo nascosto”, in questo periodo nelle sale cinematografiche. Una decisione presa d’impulso o già meditata?

Il ritiro del 1997

Non ci sorprende questa rinuncia al cinema dell’attore, anche se però. C’è da ammettere che provoca un sommo dispiacere. Infatti, Daniel Day-Lewis, ha regalato nel corso della sua carriera delle memorabili interpretazioni. Già nel 1997, però, l’attore inglese decise di staccarsi dal cinema e di stanziarsi a Firenze e diventare un apprendista calzolaio. Per fortuna tornò alla vita di prima grazie alla chiamata di Martin Scorsese che lo volle nel film “Gangs of New York”. Stavolta, purtroppo, la decisone è definitiva.

Il motivo che si cela dietro l’abbandono

A detta di Daniel Day-Lewis, ciò che l’ha condotto a questa drastica decisione è un profondo senso di tristezza che ha provato mentre lavorava all’ultimo film. Tristezza, ovviamente, non legata al lavoro del film. Le parole dell’attore: “Prima di girare non sapevo che avrei smesso di recitare. So che io e Paul abbiamo riso molto prima di realizzarlo. E poi ci siamo fermati perché siamo stati entrambi colti da una profonda tristezza. Ci ha sorpreso: non ci eravamo resi conto di quello che avevamo fatto. Era difficile conviverci. E lo è tuttora”. Inoltre, l’attore racconta il periodo e cosa provò mentre lavorava a “Il filo nascosto”, paragonando il tutto ad un incubo : “Lavoravi in una stanza in cui dovevi spostare tutte le cose in un’altra e quello spazio diventa un deposito. L’intera casa sembrava un nido di termiti“. Infine, Daniel Day-Lewis ha dichiarato che non andrà a vedere il suo ultimo film. Decisione che sancisce la rottura definitiva col cinema.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.