Iliad: promesse non mantenute, utenti che minacciano di lasciare il gestore

Iliad, i clienti minacciano di cambiare gestore.

Siamo tutti d’accordo e lo sappiamo molto bene che Iliad negli ultimi due anni ha trasformato e rivoluzionato il mercato della telefonia mobile creando una rivoluzione epocale dominata fino a poco tempo fa da Vodafone e Tim, più indietro poi Wind e Tre. La sua offerta di 7,99 euro/mese, offrendo messaggi e minuti illimitati e 50 GB di internet, ha spopolato e continua a spopolare e a distruggere le offerte di tutti gli altri gestori, risultando un’arma vincente e incontrastabile.

Le promesse non mantenute di Iliad fanno innervosire i propri utenti

Anche dal punto di vista del segnale nel tempo ci sono stati dei miglioramenti sostanziali, ma adesso i suoi utenti iniziano a perdere la pazienza in mancanza dei servizi della gestione.

Il motivo di questa mezza rivoluzione è per dei servizi che erano stati promessi dalle alte dirigenze ma che non sono state rispettate. Non sono ancora disponibili per chi è cliente Iliad, le App ufficiali per i clienti IOS e Android.

Ribadiamo come detto prima che sul lato commerciale Iliad non ha da invidiare assolutamente nulla a tutti gli altri gestori, ma che ci siano mancanze su delle applicazioni e che vanno ad impedire una gestione diretta e comoda da parte dell’operatore, questa è una realtà.

La cosa strana è che fino a qualche giorno fa su Google Play Store si potevano trovare delle applicazioni molto simili e parallele, ma che sono adesso praticamente sparite. Quella ultima sparita in ordine di tempo è “Area Personale”.

Tutta questa situazione sta creando malumori e malcontenti tra i clienti Iliad che minacciano addirittura di cambiare gestore; si era sparsa la voce dai dirigenti Iliad che il 2020 ci doveva essere il definitivo salto di qualità del gestore francese, che non solo non da spiegazioni su quello che sta accadendo, ma non annuncia nessuna previsione e programmazione di quello che farà.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp