Iliad sarà messa a dura prova da Kena dal 20 settembre. Il futuro di Tim

Iliad a partire dal 20 Settembre avrà un nuovo avversario di fronte a sè. I motivi della riuscita sugli altri avversari e come affronterà quest’ultimo.

Iliad non ha avuto un avvio piuttosto semplice in Italia, complice i problemi sulla rete e i bastoni fra le ruote delle altre aziende. In ogni caso è riuscita ad avere la meglio, confrontandosi con aziende che sul territorio italiano ci lavorano da anni. Le promesse di trasparenza, di un servizio affidabile ad un prezzo irrisorio e senza alcun tipo di limitazione, hanno attirato più di 2 milioni di italiani nel giro di 100 giorni. Una rivoluzione più che riuscita, considerando che Kena, ad oggi, conta un quarto della clientela di Iliad. Tutto questo va a contornare gli ottimi risultati ottenuti dalla campagna pubblicitaria, aiutata perlopiù dal passaparola degli utenti soddisfatti.

20 settembre: Iliad avrà un enorme ostacolo davanti a sé

I motivi della riuscita di Iliad sugli altri competitors sembra piuttosto semplice: le nuove limitazioni di ho. Mobile hanno frenato, in parte, coloro che volevano testare la copertura Vodafone; si, perché 30Mbps non sono pochi, ma vanno comunque ad influire sulla scelta finale del nuovo cliente. Le offerte winback non sono bastate a far tornare i clienti persi, creando deficit e ritardi sulle portabilità in uscita. Kena, d’altronde, non può essere competitiva con il 3G di Tim nel 2018, ma qualcosa sta per cambiare.

A partire dal 20 settembre, infatti, Kena potrà utilizzare la rete 4G di Tim, tornando cosi clamorosamente in scena e mettendo altri bastoni fra le ruote ad Iliad. L’impatto potrebbe capovolgere, definitivamente, le sorti delle offerte low cost. Tuttavia Kena non è mai stata cosi aggressiva a livello di pacchetti ricaricabile, aggiungendo da un lato e togliendo da un altro. Kena Summer è l’esempio chiaro:

-1500 minuti

-30 SMS

-50 GB, al momento in 3G

Il tutto a 6,90 euro al mese. Un’offerta pressoché adatta ad un’utenza giovanile, ma che perde colpi a causa dei pochi minuti e degli insignificanti SMS.

Tutto nelle mani di Tim

Sta a Tim, a questo punto, decidere come giocarsi la carta vincente. Proponendo un’offerta aggressiva e senza limitazioni potrebbe rappresentare un vero problema per Iliad, almeno per quanto riguarda il 4G. In un futuro prossimo, dove il 5G deciderà le sorti delle aziende telefoniche, lo scenario è ancora del tutto aperto.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062