Impianto fotovoltaico: come ottenere le detrazioni IRPEF

Impianto fotovoltaico: detrazioni del 50% sul totale della spesa. Ecco come ottenerle e qual’è la procedura da eseguire e i documenti necessari

Per tutto l’anno 2019 è stata confermata la detrazione al 50% per le ristrutturazioni edilizie e il nuovo governo ha tutte le intenzioni di prorogarla per tutto il 2020. Al riguardo rispondiamo ad un quesito giunto in redazione da un nostro lettore: “Vorrei sapere se si può scaricare il fotovoltaico.  E quali sono le procedure da seguire grazie.”

Impianto fotovoltaico: le detrazioni

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che gli “interventi effettuati per il conseguimento di risparmi energetici, con particolare riguardo all’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia” sono detraibili nella misura del 50% della spesa sostenuta. Tra questi tipi di lavoro sono inclusi anche quelli che riguardano l’installazione di impianti fotovoltaici.

Per usufruire di questa agevolazione l’impianto deve essere istallato esclusivamente per soddisfare i bisogni energetici dell’abitazione. Con questo bonus, l’Agenzia delle Entrate, restituirà nell’arco di 10 anni, il 50% della spesa totale con le detrazioni sulla dichiarazione dei redditi.

Come ottenere il bonus fotovoltaico

Il limite massimo di spesa per il bonus fotovoltaico è di 96.000 euro per ogni unità immobiliare. La detrazione può essere richiesta sul costo dell’impianto fotovoltaico, ma anche su:

  • Accessori;
  • Manodopera;
  • spese per la progettazione;
  • spese per prestazioni professionali connesse;
  • compenso per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti;
  • spese per perizie e sopralluoghi;
  • IVA;
  • imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le comunicazioni di inizio lavori.

Per poter istallare un impianto bisogna rivolgersi ad un ingegnere, architetto o geometra che rediga la pratica CILA e la relazione energetica che attesta il rispetto della normativa sull’efficienza energetica.

L’Iva applicata sui lavori di installazione di un impianto fotovoltaico è applicata nella misura agevolata del 10% dalla ditta istallatrice.

Per ottenere le detrazioni è molto importante la modalità di pagamento che deve avvenire esclusivamente tramite metodi tracciabili come il bonifico parlante. Molte banche hanno predisposto dei bonifici pre-compilati con la corretta dicitura della causale, che è la seguente:

Causale: “Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986 Pagamento fattura n. ___ del ______ a favore di _______________ partita Iva _________________ Beneficiario della detrazione _________ codice fiscale______________”.

Impianto fotovoltaico: la procedura per ottenere le detrazioni

Le detrazioni può essere richiesta solo nel caso in cui, alla data della richiesta di detrazione, l’immobile sia “esistente”, accatastato o con richiesta di accatastamento in corso e in regola con il pagamento di eventuali tributi.

Molto importante, da non dimenticare altrimenti lo Stato non eroga le detrazioni, è la comunicazione degli avvenuti lavori con l’indicazione della spesa sostenuta e le caratteristiche dell’impianto all’Enea entro 90 giorni dalla data di fine lavori.

Ecobonus e bonus casa 2019: da oggi è possibile la trasmissione all’Enea

Infine tutta la documentazione raccolta ve presentata al proprio consulente fiscale/Caf entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Risposta al nostro lettore

Con questo articolo speriamo di aver soddisfatto la sua richiesta di informazioni al riguardo di quali detrazione e di quale procedura vada eseguita per l’istallazione di un impianto fotovoltaico. Per qualsiasi altro chiarimento non esiti a contattarci.

Bonus fotovoltaico del 50% anche nel 2020 e portale dell’autoconsumo, le novità


Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest – Youtube – contattaci su Whatsapp al nuovo numero 3516559380 - inserite questo numero in rubrica e inviarci il seguente messaggio tramite whatsapp: "notizie", vi risponderemo il prima possibile.

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.