Imposta di bollo virtuale: ecco come si paga

L’imposta di bollo dal 2018 è virtuale. Come si versa?

I contribuenti possono versare l’imposta di bollo in anticipo e in modo bimestrale, con scadenze specifiche. Il contribuente presenta una dichiarazione con il numero di atti e documenti emessi attraverso un apposito modulo di richiesta, questi dovranno essere distinti in base alla voce di tariffa. Il modulo va presentato all’agenzia esclusivamente online o tramite un intermediario autorizzato, per chi non possiede il PIN Fisconline o entratel necessario.

Bollo virtuale: è obbligatorio

L’imposta di bollo va versata su tutte le fatture con importi superiori a 77,47 si applica sulle operazioni escluse o esenti dall’applicazione dell’IVA. Il pagamento dell’imposta di bollo virtuale dovrà essere preceduto dall’invio all’Agenzia delle Entrate del modulo di autorizzazione. Questo modello serve per dichiarare la volontà di versare l’imposta di bollo dovuta per gli atti e i documenti emessi nell’anno precedente e questa serve anche per rinunciare alla possibilità o comunque per rettificare o modificare una dichiarazione precedentemente presentata.

Bollo virtuale: come si paga l’imposta

Imposta di bollo virtuale va versato con il modello F24, in esso va inserito il calcolo dell’imposta dovuta al netto delle cifre da versare o da richiedere a titolo di rimborso. Il modello F24 va compilato inserendo il codice tributo che in questo caso è 2501, tale codice è quello che indica la liquidazione del bollo virtuale su fattura elettronica.

La fattura elettronica, come tutti sappiamo, diventerà obbligatoria dal 1° gennaio 2019. Il pagamento dell’imposta di bollo virtuale deve essere versato entro i 120 giorni dalla chiusura dell’anno d’imposta.

Fattura elettronica 2019 verso consumatori finali privi di partita IVA, chiarimenti dell’Agenzia


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.