IMU saldo e dichiarazione 2019: ecco le scadenze e le novità

IMU: previsto per il 16 dicembre il pagamento del saldo e nuove regole per la Dichiarazione IMU da presentare entro il 31 dicembre

Dicembre è un mese sempre pieno di scadenze, tra queste troviamo quelle del saldo IMU entro il 16 dicembre e quella della presentazione della Dichiarazione IMU il 31 dicembre, slittata con il Decreto Crescita.

Saldo IMU: attenzione alle nuove aliquote

Il versamento dell’IMU, può essere pagato con due diverse modalità, stabilite dall’art. 9, comma 3, D.Lgs. n. 23/2011:

  • In unica soluzione a giugno;
  • in due rate con scadenza giugno e dicembre.

Sia si versa il contributo in un’unica rara o in due rate, il contribuente deve sempre verificare se per dicembre il comune ha variato l’aliquota. Nel caso si sia versato in un’unica rata e l’aliquota nel frattempo è stata cambiata va rifatto il calcolo e versare a dicembre l’importo a conguaglio. Nel caso in cui, invece, si è versato il tributo in due rate e nel frattempo l’aliquota è stata variata, bisogna calcolare l’imposta annuale con la nuova aliquota, sottrarre la rata versata a giugno e versare la differenza il 16 dicembre 2019.

Entro il 28 ottobre è obbligo dei comuni pubblicare nel sito del MEF le delibere con le aliquote delle imposte comunali. In caso questo non avvenisse, il contribuente può far riferimento alle aliquote dell’anno precedente

Quest’anno è molto importante fare questa verifica sul sito del MEF. Poiché, negli anni che vanno dal 2016 al 2018,  era stata imposta la sospensione delle leggi regionali e delle deliberazioni degli Enti Locali ove prevedevano aumenti di tributi rispetto alle aliquote stabilite per il 2015. La Legge di Bilancio 2019 non ha previsto la stessa sospensione, ridando agli Enti Locali la possibilità di esercitare la loro autonomia impositiva per quanto riguarda i loro tributi. In questo modo, i Comuni hanno riacquistato il potere di aumentare i tributi, ma fino al massimo consentito.

In questo stesso periodo che si parla della possibilità di unificare in un’unica tassa patrimoniale IMU e Tasi, ci sono due novità che semplificano il fisco. Una è che è cambiata la scadenza della dichiarazione IMU e TASI, già da quest’anno, che è prevista per il 31 dicembre. L’altra è che è stato cancellato l’obbligo di invio della dichiarazione per l’accesso alle agevolazioni sui contratti a canone concordato e sugli immobili in comodato d’uso.

Slitta la scadenza al 31 dicembre 2019 la dichiarazione

Come abbiamo detto, una delle novità è che la scadenza della dichiarazione IMU passa dal 30 giugno al 31 dicembre già dal 2019.

Quindi, per il 31 dicembre sono da presentare tutte le variazioni intervenute nel periodo di tempo che va dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018. Vi è obbligo di presentare la Dichiarazione IMU, quando un immobile è stato assegnato all’ex coniuge dopo la separazione o il divorzio. Oppure, quando si deve segnalare la scelta dell’immobile adibito a prima casa, quando si è in possesso di più immobili.

Dichiarazione IMU: ecco quando non è più obbligatoria

Un’altra importante modifica, per la semplificazione del Fisco, è che non sarà più necessaria la dichiarazione IMU per fruire di sconti e agevolazioni.

Infatti non vi è più l’obbligo della dichiarazione in cui si attesta il possesso dei requisiti per godere delle agevolazioni a titolo di imposta municipale propria (IMU) e di tassa sui servizi indivisibili (TASI), nei casi di immobili concessi in comodato a parenti in linea retta di primo grado, per cui è possibile usufruire della riduzione del 50% della base imponibile IMU in presenza dei requisiti previsti dall’art 13, comma 3 lettera 0 a) del D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011.

Inoltre anche il soggetto passivo è esonerato dalla dichiarazione che attesti il possesso del requisito per ottenere l’agevolazione delle riduzioni al 75% dell’IMU sugli immobili locati a canone concordato.

Imu e Tasi con una deducibilità dal 50% al 100%: ecco come

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.