Bambini in auto: campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale

Sicurezza stradale per i bambini al via una campagna di sensibilizzazione a 360°.

Semplici messaggi sulla sicurezza in auto stampati su materiali informativi saranno in distribuzione negli ambulatori pediatrici, negli ospedali, nei consultori e tramite mass media al fine di  sollecitare e coinvolgere il mondo dei “grandi”  sulla necessità di assicurare i bambini in maniera  corretta  a idonei sistemi di ritenuta durante tutti i tipi di viaggio.

Seggiolini e cinture devono essere adattati alle dimensioni dei bimbi e omologati ai sensi di legge. Nonostante ciò si sarebbero verificati infortuni per il mancato o cattivo uso dei seggiolini che si ricorda è obbligatorio sino a 1m e mezzo di altezza.

Stando alle statistiche del Ministero dei trasporti  e dell’Istituto Superiore di Sanità, solo il 47% degli italiani metterebbe i bimbi seduti sul seggiolino e li lega con la cintura in macchina.

“La sicurezza dei bambini in auto – ha  dichiarato  il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli  – è la nostra priorità. Non possiamo e non dobbiamo mettere a repentaglio la vita dei nostri figli per la fretta che contraddistingue il quotidiano di tutti noi. Devono diventare per tutti gesti automatici”.

I materiali informativi predisposti saranno diffusi negli ambulatori pediatrici, negli ospedali, nei consultori, nei centri vaccinali e sui principali mezzi di comunicazione.

L’obiettivo della campagna è quello di dare a genitori, nonni, educatori e tutti coloro che, a vario titolo, si prendono cura dei bambini  informazioni  in più sul corretto uso dei dispositivi di ritenuta. Seggiolini e cinture devono quindi  essere scelti in base al peso del bambino e omologati ai sensi di legge.

 

Bambini in auto: campagna di sensibilizzazione per la sicurezza stradale ultima modifica: 2018-08-07T07:20:13+00:00 da Mariangela Palmisano

Mariangela Palmisano

Guida ed accompagnatrice turistica. Giornalista pubblicista da luglio 2016. Mamma di 3 figli (Cosimo, Anna e Francesco Pio) Presidente de "l'occhiazzurra" una associazione culturale fondata dalla mia defunta cugina la poetessa Angela Palmisano. Amo il mio Paese e non amo le ingiustizie e le persone incoerenti.
Follow Me: