Carta del docente: guida completa alla creazione di un buono spesa

Anche per quest’anno è stato confermato il rinnovo della Carta del Docente, il bonus di cui i docenti possono disporre per aggiornare la loro formazione professionale. Cos’è e come è possibile spenderlo?

Carta del docente, cos’è?

La Carta del Docente è la piattaforma per spendere il bonus accreditato ad ogni insegnante di ruolo nelle scuole pubbliche. È un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione, prevista dalla legge 107 del 13 luglio 2016, ovvero della famosa Buona Scuola. Anche quest’anno è stato confermato il suo rinnovo, ma per i nuovi docenti di ruolo questo strumento è del tutto sconosciuto.

Carta del docente: guida completa alla creazione di un buono spesa

Homepage della piattaforma

Con la riattivazione della piattaforma online i docenti possono continuare ad usufruire del bonus di 500€. Inoltre, sul borsellino elettronico, sono state caricate sia le somme riconosciute per l’anno scolastico 2018-2019 che quelle residue dei bonus dei due anni scolastici precedenti (2016/17 – 2017/18). Le somme residue del 2016/17 dovranno essere spese entro il 31 dicembre 2018, mentre quelle del 2017/18 entro il 31 agosto prossimo. Il bonus, infatti, non è cumulabile nel tempo: i 500 euro devono essere spesi entro il termine di 2 anni, pena la loro definitiva perdita.

Il bonus insegnanti è, come già detto, un contributo di 500€ che i docenti di ruolo in una scuola pubblica possono utilizzare per il proprio aggiornamento e formazione professionale. Per poter avvalersi del contributo, il MIUR ha messo a disposizione una piattaforma online, chiamata, appunto, Carta del Docente. Gli insegnanti che possono beneficiarne devono registrarsi sul portale. Qui potranno generare dei buoni spesa e controllare lo stato del proprio portafoglio digitale.

Iscrizione alla piattaforma

Carta del docente: guida completa alla creazione di un buono spesa

Identity Provider disponibili a cui poter rivolgersi per richiedere lo SPID

L’importo della Carta del Docente viene erogato in una sorta di portafoglio elettronico disponibile sulla piattaforma web. I destinatari del bonus sono gli insegnanti:

  • di ruolo, a tempo pieno e part-time, nelle scuole pubbliche;
  • neoimmessi in ruolo;
  • inidonei per motivi di salute;
  • in comando, distacco e fuori ruolo;
  • docenti delle scuole estere e delle scuole militari.

Per potersi iscrivere al portale bisogna, innanzitutto, munirsi di una identità digitale (SPID). Dopodiché basterà collegarsi all’indirizzo web “www.cartadeldocente.istruzione.it“. Dopo essersi collegati alla piattaforma ministeriale, si dovrà cliccare sulla voce “Entra con SPID” e indicare l’Identity Provider con il quale si è effettuata la registrazione (es: Poste Italiane, Tim, ecc). Per concludere la procedura ed avere accesso all’area privata, al docente sarà richiesto il codice di sicurezza ricevuto tramite SMS o altre modalità previste dal sistema.

Come creare un buono spesa

Per spendere il bonus da 500€ il docente dovrà generare un buono spesa. La procedura è molto semplice ed è anche spiegata sul sito.

Nella pagina principale del sito c’è una sezione intitolata “dove spendere i buoni”. Qui è presente un elenco di tutti gli esercenti registrati presso i quali è possibile utilizzare il proprio bonus. Ma come si crea un buono spesa?

  • Innanzitutto, bisogna andare alla pagina “crea buono” accessibile dal Menu;
  • il docente può scegliere se acquistare presso un esercente, aderente all’iniziativa, fisico o online e ciò che desidera acquistare;
  • inserisce l’importo preciso corrispondente al prezzo del bene o servizio che vuole;
  • il buono creato sarà corredato di un codice identificativo (QR code, codice a barre e codice alfanumerico di 8 cifre) che potrà salvare sul proprio dispositivo o stampare.

L’acquisto sarà completo quando l’esercente validerà il buono inserendo il codice identificativo nella piattaforma. Una volta effettuato l’acquisto il borsellino elettronico si aggiornerà con la cifra residua disponibile.

E, semmai si abbiano dei ripensamenti, è bene sapere che è possibile annullare il buono creato, a meno che non sia stato già validato. L’unica eccezione riguarda i biglietti per l’ingresso ai musei, che non si possono disdire.

Carta del docente: guida completa alla creazione di un buono spesa ultima modifica: 2018-09-28T07:20:54+00:00 da Sara Gatto

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 19 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.