Gravidanza: cambia il congedo di maternità, al lavoro fino al nono mese

Legge di Bilancio 2019: stavolta si parla di cambiare il congedo di maternità in modo che le donne possano lavorare fino all’ultimo mese di gravidanza.

Congedo di maternità

Dopo l’approvazione dell’emendamento riguardante l’aumento dell’importo del bonus asilo nido, arrivano altre novità direttamente dalla Legge di Bilancio 2019. Stavolta si parla del congedo di maternità e, in particolare, del periodo in cui una donna incinta potrà astenersi dal lavorare.

Il congedo di maternità è quel periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alle lavoratrici durante la gravidanza e il puerperio. In presenza di determinate condizioni che impediscono alla madre di beneficiare di tale congedo, l’astensione dal lavoro spetta al padre. In quest’ultimo caso si parla di congedo di paternità. Il diritto al congedo e alla relativa indennità sono previsti anche in caso di adozione o affidamento di minori.

Manovra Legge di BilancioGravidanza: cambia il congedo di maternità, al lavoro fino al nono mese

Secondo quanto previsto, il congedo di maternità inizia due mesi prima la data prevista del parto. Grazie all’emendamento passato in commissione di bilancio, il periodo di maternità potrà avere inizio anche alla fine dei 9 mesi di gravidanza. Addio all’astensione obbligatoria; chi vorrà potrà lavorare fino all’ultimo mese, salvo eventuali condizioni particolari riscontrate dal proprio medico.

Sarà così possibile portarsi “in dote” i 5 mesi di astensione al periodo successivo al parto. Questa nuova manovra è stata proposta come alternativa all’attuale, che, come visto, impone l’obbligo di astensione prima della fine della gravidanza.

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 19 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.