Incidente contro guard-rail: se inadeguato la vittima ha diritto a risarcimento

In caso di guard-rail inadeguato o inesistente, per la Cassazione, l’ente proprietario della strada deve risarcire il conducente anche se ha la colpa maggiore.

Il caso

E’ stato rigettato il ricorso della Provincia di Messina, proprietaria della strada su cui era deceduta una ragazza in sella a uno scooter in seguito a un incidente. In un primo momento, il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto aveva rigettato la domanda della madre e delle sorelle della vittima. Il Tribunale aveva ritenuto che la vittima fosse completamente responsabile dell’incidente a causa della scarsa padronanza del mezzo, di cui aveva perso il controllo finendo fuori strada.

La Corte d’Appello di Messina è, invece, in disaccordo con questa scelta. Per la Corte la causa del sinistro è attribuibile per il 40% alla Provincia Regionale di Messina e per il 60% alla vittima. Si è, quindi, accordato un risarcimento per la famiglia della vittima: 150 mila euro alla madre, 85 mila a testa alle sorelle.

Incidente contro guard-rail: se inadeguato la vittima ha diritto a risarcimento

I giudici di Piazza Cavour, nel rigettare il ricorso dell’ente, hanno ritenuto che si sarebbero dovuti installare guard-rail adeguati. Nel tratto incriminato, invece, il muretto presente era “basso e inclinato”, come rilevano le indagini dei periti. Inoltre, sull’ente proprietario grava l’obbligo di mantenere il bene in condizioni adatte e non pericolose per l’uso che ne deve fare la cittadinanza.

Vittima risarcita anche se è in colpa

Nel caso specifico precitato, gli attori avevano evidenziato fin da subito la precarietà delle condizioni della strada in questione. E’ emerso che in alcuni punti è, addirittura, priva di parapetto. Su questa strada la Provincia, che ne è la proprietaria, avrebbe dovuto vigilare ed eseguire i necessari lavori di costruzione dei muri di protezione e di installazione dei guard-rail.
Tramite le indagini peritali, infatti, il tratto di strada in questione risultava trovarsi in stato precario: nonostante il burrone, in cui è stato ritrovato il corpo privo di vita della vittima, nel tratto interessato dal sinistro la strada presentava soltanto un muretto “non solo basso, ma persino inclinato in modo da costituire un invito alla fuoriuscita” di strada.
A tutto questo si aggiunge l’obbligo che ha l’amministrazione pubblica di mantenere il bene in buone condizioni, in modo che non favorisca un eventuale incidente. Inoltre, bisogna tenere conto anche del fatto che tecnici e funzionari del tratto di strada non fossero minimamente a conoscenza delle pessime condizioni.
Incidente contro guard-rail: se inadeguato la vittima ha diritto a risarcimento ultima modifica: 2018-10-09T07:20:55+00:00 da Sara Gatto

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 19 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.