Lavoro: guide turistiche il caso Matera e il decreto Lazio.

Il Lavoro nel  Turismo è una delle risorse del nostro Paese.  Si riaccendono in questo periodo i riflettori su una figura professionale molto importante: la guida turistica.

In attesa che finalmente si metta chiarezza sulla normativa circa i metodi di abilitazione si assiste a varie manifestazioni che riguardano tale figura professionale.

Caso Matera

Matera guide turisticheMatera capitale della Cultura 2019 e patrimonio UNESCO sta sempre più attirando visitatori. Agli inizi degli anni ’90 si assisteva a numerosi casi di vera e propria “caccia al turista” sin dalle porte della città dei “sassi”. Con il tempo la situazione è cambiata ma il vizio di “disturbare” i visitatori seppur placata sarebbe rimasto. Questa situazione non sarebbe passata inosservata tanto che fu emanata una ordinanza da parte del sindaco Ruggieri.

Cosa dice l’ordinanza di Matera

L’ordinanza n. 298 del 28 agosto 2017 vieta “a chiunque, su tutto il territorio comunale, attività che possa minimamente disturbare la quiete e la libertà del turista”.

Cosa è accaduto

Qualche giorno fa a Matera una pattuglia di Polizia ha messo in atto tale ordinanza fermando due persone che si spacciavano per guide turistiche elevando una sanzione di 500 euro per ognuno.

Dalla Basilicata al Lazio

La scorsa settimana la Regione Lazio ha sfornato un emendamento relativo alle guide turistiche. Ovvero ritornando ancora una volta sulla territorialità della abilitazione contravvenendo alle attuale norme comunitarie.

Ma possono continuare le Regioni a produrre atti e provvedimenti in contrasto con la legislazione europea?

Anche la Regione Puglia con il suo bando per guide turistiche e accompagnatori  sarebbe andata contro i dettami comunitari con un bando ancora in attesa di risposte e soprattutto con abilitazioni che vorrebbe rilasciare solo con quiz scritti invece che orali, pertinenti soprattutto sulla Puglia nonostante  la maggior parte del lavoro di guida si svolga oralmente e l’attuale normativa europea parli di “guida nazionale-europea”,  oppure di madrelingua costretti a causa di una strana burocrazia a dimostrare il loro status nonostante il documento di identità e nascita.

Si rimane in attesa che tra post e  tweet social finalmente si pensi realmente con strumenti legislativi  al riordino della legislazione per le abilitazioni a guida turistica.

Lavoro: guide turistiche il caso Matera e il decreto Lazio. ultima modifica: 2018-10-02T09:55:57+00:00 da Mariangela Palmisano

Mariangela Palmisano

Guida ed accompagnatrice turistica. Giornalista pubblicista da luglio 2016. Mamma di 3 figli (Cosimo, Anna e Francesco Pio) Presidente de "l'occhiazzurra" una associazione culturale fondata dalla mia defunta cugina la poetessa Angela Palmisano. Amo il mio Paese e non amo le ingiustizie e le persone incoerenti.
Follow Me: