Uova fresche ritirate dal mercato, in alcune anche presenza di salmonella

Varie marche di uova fresche sono state richiamate dal Ministero della Salute. In alcune produzioni è stata riscontrata anche la presenza di salmonella.

Uova fresche in guscio scadute

Il richiamo, effettuato in data 8/10, riguarda le uova fresche in guscio a marchio Ovo Fucens. Il motivo della revoca è la scadenza del prodotto. Le uova (lotto di produzione: FMC dal 11/9 al 07/10/18), infatti, erano già scadute da un giorno quando il richiamo è stato presentato.

Uova fresche da allevamento a terra

Uova fresche ritirate dal mercato, in alcune anche presenza di salmonella

Sempre in data 8/10 è stato presentato un altro richiamo. Anche questo riguarda le uova fresche, stavolta da allevamento a terra.

In questo caso, però, il rischio è microbiologico. Gli ultimi avvisi apparsi sul sito del Ministero della Salute riguardano tre lotti di uova di gallina fresche da allevamento a terra, prodotte dall’Azienda Agricola Bosi Luigi, vendute in confezioni da sei unità con date di scadenza 31/10/2018, 01/11/2018 e 02/11/2018. Il marchio di identificazione dello stabilimento è IT X8HOM CE, mentre “Azienda Agricola Bosi Luigi Di Bosi Costanza” è il nome del produttore.

Le uova sono state prodotte nello stabilimento di Corfinio, in provincia di L’Aquila. Motivo del richiamo è la presenza di salmonella enteritidis. Come sempre in questi casi, si raccomanda, a scopo precauzionale, di non consumare il prodotto oggetto del richiamo e di riportarle al punto vendita dove sono state acquistate.

Cos’è la salmonella? Si può curare?

L’infezione da salmonella è un batterio che può causare infezioni gastrointestinali e si trasmette attraverso il cibo.

In natura ne esistono oltre 2 mila varianti. Quelle più diffuse nell’uomo sono S. enteritidis, ritrovata nelle uova, e S. typhimurium.

L’infezione da salmonella (salmonellosi) può causare solitamente nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, perdita dell’appetito, mal di testa e febbre. In genere i sintomi si manifestano dopo 12-36 ore e possono persistere anche per una settimana. Per confermare la diagnosi basta un’analisi delle feci.

Solo in situazioni critiche è necessario un ricovero in ospedale, durante il quale verranno probabilmente somministrati degli antibiotici. Nel resto dei casi, la salmonellosi non si cura con i farmaci. Gli antibiotici, infatti, sono sconsigliati perché potrebbero aumentare la persistenza dei batteri nelle feci e indurre resistenza.

 

Sara Gatto

Ciao a tutti! Sono Sara, ho 19 anni e sono una studentessa. Il mondo della comunicazione è ciò che più mi interessa, in particolare il cinema, la musica e l'arte in generale. Spero che i miei articoli vi siano d'aiuto e che, oltre la curiosità, siano capaci di alimentare i vostri interessi.