In pensione con 15 anni di contributi Deroga Amato: si ha diritto all’integrazione al minimo?

Anche con la Deroga Amato è prevista l’integrazione al minimo.

Un nostro lettore ci chiede se fruendo della pensione con la prima deroga Amato, che prevede la possibilità di pensionarsi con 15 anni di contributi (780 settimane) accreditate entro il 1992 e i requisiti anagrafici necessari per la pensione di vecchiaia, che nel 2018 sono di 66 anni e 7 mesi (2019 diventeranno di 67 anni) è possibile beneficiare dell’integrazione al minimo della pensione.

Le 3 deroghe Amato, a differenza della deroga Dini, permetto l’integrazione al minimo della pensione così come previsto per la pensione di vecchiaia.

L’integrazione al minimo per le pensioni di vecchiaia è prevista per le pensioni inferiori a 507 euro ma ne hanno diritto soltanto i pensionati che si trovano al di sotto di determinate soglie di reddito stabilite annualmente dall’Inps.

L’integrazione al minimo prevede che tutti gli assegni che non raggiungo la cifra di 507 euro mensili vengono integrati per un importo pari ad arrivare a tale cifra.

Limiti di reddito per integrazione al minimo

I limiti di reddito, per i quali conta il reddito e non l’Isee,  sono differenti per i pensionati soli e per quelli coniugati.

pignoramento della pensioneI pensionati soli hanno diritto a una integrazione piena se hanno un reddito personale inferiore a 6596,46 euro annui (per il 2018). L’integrazione si riduce proporzionalmente per coloro che superano questo limite ma hanno un reddito comunque inferiore a 13.191,92 euro annui (per redditi superiori a tale cifra non è prevista integrazione).

Per i pensionati coniugati il limite di reddito della coppia per una integrazione piena non deve superare i 26.385,84 euro annui., per beneficiare dell’integrazione ridotta non bisogna superare i 32.982,30 euro annui.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.