In pensione con 15 anni di contributi ’prima deroga Amato’, requisiti

È possibile accedere alla pensione anche se non si riesce ad arrivare al requisito contributivo di 20 anni richiesto per la pensione di vecchiaia, con solo 15 anni. Ecco i requisiti richiesti e chi può fare domanda.

È possibile accedere alla pensione nel 2020 con le deroghe Amato. Non si tratta di pensione anticipata, in quanto l’età pensionabile richiesta è di 67 anni come la pensione di vecchiaia. Anche se sono poco conosciute le deroghe Amato permetto di accedere alla pensione anche con meno di 20 anni di contributi, sono chiamate anche “pensioni quindicenni” proprio perché permettono l’accesso con contributi inferiori. In quest’articolo esamineremo la prima deroga Amato e i requisiti richiesti per fare domanda, questa deroga fa parte delle pensioni news del 2020 nella categoria pensione contributiva.

In pensione con 15 anni di contributi

Una lettrice ci ha posto la seguente domanda:

“Buona sera, nata a dicembre 1955

Ho 15 anni di contributi fino al 1990 

Sono donna e non ho più lavorato

Invalidità al 67%

Sono vedova

Ho il diploma di ragioneria e capisco che adesso non ho possibilità di lavorare

Volevo sapere se c’era qualcosa da fare per pensione “.

Prima deroga Amato con 15 anni di contributi

L’attuale pensione di vecchiaia è soggetta all’adeguamento dell’aspettativa di vita, inserito dalla legge Fornero, quindi l’età pensionabile negli anni può subire un aumento, per il 2020 è di 67 anni e prevede un minimo di 20 anni di contributi. Per chi come la nostra lettrice si trova ad avere meno anni è possibile ricorrere alle deroghe Amato.

Le deroghe Amato hanno requisiti stringenti e si basano sul fattore temporale dei contributi.

Esaminando il suo caso, lei potrebbe aderire alla prima deroga Amato che prevede il versamento minimo di 15 anni di contributi (780 settimane) accreditati  prima del 1992. Sono validi i contributi accreditati a qualsiasi titolo (volontari, obbligatori, figurativi, da riscatto, ecc.).

Lei, quindi, rientra in questa deroga, in quanto i versamenti sono stati versati fino al 1990, ma deve attendere di perfezionare l’età pensionabile. L’Invalidità in questo caso non è considerata.

La pensione di invalidità è riservata ai dipendenti del settore privato e richiede una percentuale invalidante superiore all’80 per cento e un requisito contributivo minimo di 20 anni. 

Per sapere come sarà calcolato l’assegno pensionistico, le consiglio di consultare la nostra guida: Pensione contributiva 2020: ecco come si calcola l’assegno pensionistico


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”