In pensione con 22 anni di contributi: ci sono tre alternative

Andare in pensione con 22 anni di contributi: ecco le tre alternative che permettono di uscire prima dal lavoro con il pensionamento anticipato.

Come andare in pensione anticipata con un minimo di 20 anni di contributi, è la domanda che i nostri lettori ci fanno spesso, infatti un nostro lettore ci chiede: Buongiorno, ho 65 anni con 22 anni di contributi. Quando potrò andare in pensione? Grazie 

Pensione anticipata: le tre possibilità per uscire prima dal lavoro

Con soli 22 anni di contributi, ci sono tre possibilità che permettono il pensionamento anticipato: Ape volontario Pensione anticipata contributiva e Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. L’Ape volontario è una misura sperimentale e sarà in vigore fino al 31 dicembre 2019. Analizziamo i requisiti richiesti per le tre alternative pensionistiche anticipate.

Pensione anticipata contributiva

Per accedere a questa misura è necessario, che il lavoratore non abbia contributi versati prima del 1° gennaio 1996. La misura richiede, infatti, i seguenti requisiti di accesso:

  • almeno 64 anni di età compiuti
  • almeno 20 anni di contributi
  • nessun contributo versato prima del 1° gennaio 1996.

Questa misura di pensionamento anticipato è poco conosciuta perché destinata solo ad una platea limitata di beneficiari che hanno iniziato a lavorare solo dopo il 31 dicembre 1995.

Ape volontario 

Con i requisiti che ha maturato può accedere fin da subito all’Ape volontario che richiede almeno 63 anni di età e almeno 20 anni di contributi versati. L’Ape volontario si ottiene tramite prestito erogato dalle banche, che al raggiungimento della pensione di vecchiaia a 67 anni, andrà restituito maggiorato degli interessi con prelievi automatici sulla futura pensione.

Rendita integrativa anticipata temporanea – RITA

La Rendita integrativa anticipata non è per tutti, bisogna aver almeno cinque anni versati in un Fondo Pensione. Nello specifico, possono accedere alla tutti i lavoratori dipendenti (uomini e donne), se in possesso di specifici requisiti, quali:

  • cessazione del lavoro e intervallo dall’accesso alla pensione di vecchiaia che non sia maggiore di 5 anni, con circa 61 anni e 7 mesi. Tale soglia dal prossimo gennaio 2019 passa a 62, con circa 20 anni contributivi;
  • occupazione che superi i due anni e intervallo dall’accesso dalla pensione di vecchiaia che non sia maggiore di 10 anni, con 56 anni e 7 mesi. Tale soglia dal 2019 passa a 57;
  • per accedere alla Rita in entrambi i casi occorrono 5 anni d’iscrizione al fondo.

Se non ritiene di andare in pensionamento anticipato, allora quando maturerà l’età pensionistica potrà accedere alla pensione di vecchiaia che per l’anno 2019 è di 67 anni ed un requisito contributivo di almeno 20 anni di contributi.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”