In pensione con 35 anni di contributi e con disabilità: quali possibilità oltre alla pensione di vecchiaia?

Le alternative di pensionamento per un lavoratore disabile con 35 anni di contributi: vediamo quali sono.

Un nostro lettore chi scrive “Buongiorno, cortesemente chiedevo il vostro parere: ho ad oggi 35 anni di contributi inps fino al 2008 come agente rappresentante, poi come dipendente, sono disabile 80%, ho fatto il militare ed ho chiesto i contributi figurativi, dovrei averne anche da dipendente all’INPS mi hanno detto che dovrei andare in pensione nel 2023 secondo voi è giusto il calcolo. Grazie cordialmente”.

Pensione di vecchiaia anticipata per invalidi

Per i disabili con l’80% di invalidità c’è la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia anticipata con i seguenti requisiti: 

  • disabilità pari o superiore all’80%
  • età di 60 anni e 7 mesi per gli uomini e 55 anni e 7 mesi per le donne (nel 2018)
  • almeno 20 anni di contributi versati

Questo tipo di pensionamento è riservato esclusivamente ai dipendenti del settore privato. Per l’accesso a questo tipo di pensione, inoltre, non basta la pensione di invalidità civile ma è necessario sottoporsi ad una ulteriore visita presso una Commissione Medica Inps che valuterà la cosiddetta invalidità pensionabile. Per questo motivo non tutti gli invalidi con percentuale pari o superiore all’80% riescono ad accedere a questo tipo di pensionamento.

Maggiorazione contributiva disabili

Per i disabili con una percentuale di invalidità pari o superiore al 74% è prevista una maggiorazione contributiva pari a 2 mesi di contributi figurativi per ogni anno di servizio prestato come invalido fino ad un massimo di 5 anni di contributi figurativi. Non so da quanti anni lei risulta invalido ma al momento del pensionamento dovrà fare domanda anche di questi contributi figurativi.

Quota 100

Lei non specifica la sua età nella domanda che mi pone, ma se dal prossimo anno entrerà in vigore la quota 100 potrebbe accedere al pensionamento anche prima del 2023 al compimento dei 64 anni e alla maturazione dei 36 anni di contributi.

L’Inps, ovviamente, le fornisce le modalità di pensionamento con la pensione di vecchiaia e con quella anticipata senza tenere conto delle possibili variazioni che il governo potrebbe introdurre dal prossimo anno e senza tenere contro della possibilità della maggiorazione contributiva e della pensione di vecchiaia anticipata per gli invalidi. Per questo il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un Caf o un professionista abilitato per vedere nel suo caso qual è il pensionamento più veloce.

 

 

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.